Napoli, accoltellò il rivale dopo il rifiuto della ex a ‘C’è posta per te’: condannato a 8 anni e 2 mesi in Appello

Tribunale Giustizia

La condanna a 14 anni che Emanuele Colurcio rimediò in primo e in secondo grado per tentato omicidio di Domenico Di Matteo e per atti persecutori (stalking) ai danni dell’ex fidanzata è stata rivista. Così come aveva disposto la Corte di Cassazione che, annullando la precedente sentenza di condanna, aveva rilevato la mancanza di motivazioni rispetto alle aggravanti dei motivi futili e abbietti che erano stati riconosciuti in sentenza. Ieri pomeriggio i giudici della quarta sezione penale della Corte d’Appello di Napoli (presidente Maddalena) hanno così riletto le accuse contestate a Colurcio (residente a Pollena Trocchia) ed hanno condannato l’imputato a 8 anni e 2 mesi di reclusione per i reati a lui contestati. Lo sconto di pena è arrivato in accoglimento delle richieste difensive avanzate dall’avvocato Andrea Scardamaglio, che aveva ottenuto l’annullamento da parte della Cassazione. Il processo di primo grado si era definito con la modalità del rito abbreviato, formula che prevede lo sconto di un terzo della pena.

I fatti contestati risalgono agli inizi del 2016. Colurcio non riusciva a rassegnarsi alla fine della storia con la sua ragazza e si rivolse persino alla trasmissione di Canale5 ‘C’è posta per te’ per riavvicinare la ex fidanzata. Una volta giunti in studio, la ragazza però rifiutò di aprire la tradizionale ‘busta’ e dunque di riabbracciare Colurcio. Di qui la reazione scomposta e sconsiderata di Emanuele Colurcio, che tra venerdì 22 e sabato 23 gennaio del 2016, si recò a Chiaia, zona baretti, dove la ragazza si trovava in compagnia di amici. Colurcio se la prese con Domenico Di Matteo, che lui riteneva – sbagliando – essere la ragione per la quale la giovane era diventata irremovibile: impugnò un coltello e s’avventò contro quello che credeva essere il suo rivale.

Leggi anche:
– Bancarotta, ai domiciliari l’ex azionista di maggioranza dell’Interporto Sud Europa di Caserta
– Napoli, rubavano automobili all’interno dei garage, sgombinata la banda: tra loro anche un minorenne | Video
Reggio Calabria, dà fuoco alla ex moglie: arrestato il 42enne di Ercolano
– Facebook e Instagram di nuovo fuori uso e su Twitter scatta lo sfottò degli utenti
– Fortuna, uccisa a Miano dal marito L’omelia di don Loffredo: «Chi dà uno schiaffo a una donna è uno stronzo»
– Pd Napoli, il giudice caccia il segretario Ecco le motivazioni della sentenza: «Viziata la scelta della platea elettorale»
– Dall’Austria le armi per le camorra: dagli Elia agli Ascione-Papale, un business illecito milionario
– Cercola, vendevano abiti usati ma tra i capi spuntano 200 tonnellate di rifiuti. Nell’azienda 12 lavoratori in ‘nero’ | Video
– Reggio Calabria, dà fuoco alla ex moglie: ancora in fuga il 42enne di Ercolano
– Camorra, ville lussuose e negozi sequestrati ai fratelli del boss Zagaria

giovedì, 14 marzo 2019 - 14:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA