Carcere duro per il boss Marco Di Lauro, il ras di Secondigliano trasferito a Sassari

Il boss Marco Di Lauro catturato dopo 14 anni di latitanza (foto Kontrolab)

Marco Di Lauro, l’ex «primula rossa» di Secondgliano, è stato sottoposto al regime del carcere duro. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Matteo Salvini nel corso della conferenza in Prefettura a margine del Comitato per l’ordine e la sicurezza che ha presieduto. Trentanove anni, il quartogenito del boss Paolo Di Lauro è detenuto a Sassari dove è stato trasferito pochi giorni fa. In regime di carcere duro sono attualmente sottoposti anche il padre Paolo e il fratello Cosimo.

Di Lauro è stato arrestato sabato 2 marzo dopo una latitanza lunga quasi 14 anni: si nascondeva in un appartamento in via Emilio Scaglione a Chiaiano. A segnare la svolta nelle indagini finalizzate alla sua cattura è stato il drammatico omicidio di Norina Matuozzo, uccisa quella stessa mattina dal marito Salvatore Tamburrino, braccio destro di Di Lauro. ‘F4′, così come Marco Di Lauro veniva indicato sulla contabilità del clan (F sta per figlio; 4 perché è il quarto figlio di Paolo Di Lauro) era ricercato perché deve scontare 11 anni di reclusione per associazione di stampo mafioso e traffico di sostanze stupefacenti, fatti precedenti all’esplosione della prima guerra di camorra a Scampia e a Secondigliano. E’, invece, a piede libero per l’omicidio di Attilio Romanò, vittima innocente di quella faida: accusato di essere stato il mandante dell’agguato (il cui obiettivo era un nipote del boss scissionista Rosario Pariante), Di Lauro era stato condannato in primo e in secondo grado alla pena dell’ergastolo, ma la Cassazione ha annullato la sentenza di appello disponendo un nuovo processo che non è mai stato fissato. E’ stato, invece, assolto in via definitiva dall’accusa di aver ordinato l’omicidio di Nunzio Cangiano, avvenuto nell’agosto del 2017 dinanzi alla biglietteria del Magic World di Licola dove l’uomo era in fila in compagnia del figlio.

All’atto dell’arresto, a Marco Di Lauro sono state notificate due nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per due diverse contestazioni di traffico di sostanze stupefacenti.

Leggi anche:
Marito e moglie trovati morti in casa, tragedia a Castelvetrano nel Trapanese: si batte l’ipotesi dell’omicidio-suicidio
E l’Ucraina vuole bandire Toto Cutugno: a rischio il concerto a Kiev del 23 marzo. La scure si è già abbatutta su Al Bano
– Il vicepremier Salvini torna a Napoli: «Contro la camorra ci vuole l’impegno di tutti, il contrasto ai clan richiede tempo»
– Portici, due ladri colpiscono un bar: il titolare pubblica sui social le immagini dei balordi riprese dalle telecamere
Assalto dei terroristi in Nuova Zelanda, strage in due moschee: ci sono 48 morti. L’attacco ripreso live da un attentatore
– Napoli, accoltellò il rivale dopo il rifiuto della ex a ‘C’è posta per te’: condannato a 8 anni e 2 mesi in Appello
– Bancarotta, ai domiciliari l’ex azionista di maggioranza dell’Interporto Sud Europa di Caserta
– Napoli, rubavano automobili all’interno dei garage, sgombinata la banda: tra loro anche un minorenne | Video
Reggio Calabria, dà fuoco alla ex moglie: arrestato il 42enne di Ercolano
– Facebook e Instagram di nuovo fuori uso e su Twitter scatta lo sfottò degli utenti

venerdì, 15 marzo 2019 - 17:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA