Imane Fadil, l’ex olgettina avvelenata: nominato il pool di anatomopatologi, nessuno può vedere il corpo della 34enne

Imane Fadil
Imane Fadil, la modella morta in circostanze da accertare

La disposizione, inconsueta, è arrivata dalla procura della Repubblica di Milano: fino al giorno dell’autopsia nessuno potrà vedere il corpo di Imane Fadil, la 34enne maghrebina il cui nome è legato al processo contro Silvio Berlusconi per il caso Ruby ter e morta in ospedale a Milano dopo un’atroce agonia di un mese provocata dal deterioramento degli organi interni. Neppure amici e parenti. C’è il sospetto che Imane sia stata avvelenata, come lei stessa andava ripetendo al fratello e all’avvocato. C’è il sospetto, soprattutto, che sia stata avvelenata con scorie radioattive. E, proprio questa circostanza, ha fatto scattare il protocollo precauzionale e il divieto di avvicinamento.

Ma le certezze potranno arrivare solo dall’autopsia. Quella che l’autopsia ha disposto non appena è stata resa nota la notizia della morte di Imane. E anche su questa circostanza porta con sé un piccolo giallo: la 34enne è deceduta il primo marzo, ma solo con estremo ritardo gli inquirenti ne sono stati informati. La procura ha disposto accertamenti radiologici e ha nominato anche un pool di anatomopatologi guidati dalla dottoressa Cristina Cattaneo, che si è occupata anche di casi di Elisa Claps, Yara Gambirasio e Lidia Macchi. Ai consulenti della procura spetta confermare o smentire l’esito parziale di un test di laboratorio che conferma la causa radioattiva dell’avvelenamento (sono state trovate tracce di cobalto ionizzato nell’organismo di Imane).

Intanto vanno avanti gli interrogatori di medici e amici di Imane Fadil: la procura vuole ricostruire gli ultimi mesi di vita della 34enne per capire se all’interno della sua cerchia di conoscenti ci fosse una persona che la odiasse a tal punto da provocarne la morte. Si indaga per omicidio volontario ma, per ora, contro ignoti.

Leggi anche:
Ecco il ‘nuovo’ di Pd targato Zingaretti: lotta alla ‘destra’ di Salvini e in Europa. Eletti presidente, vice e tesoriere
Malati di gioco d’azzardo, rapporto choc: a Sorrento e Castellammare di Stabia bruciati 72 milioni in un anno
– Via Fani, 41 anni fa il sequestro di Moro e l’assassinio dei 5 uomini della scorta
Marito e moglie trovati morti in casa, tragedia a Castelvetrano nel Trapanese:
si batte l’ipotesi dell’omicidio-suicidio
E l’Ucraina vuole bandire Toto Cutugno: a rischio il concerto a Kiev del 23 marzo. La scure si è già abbatutta su Al Bano
– Il vicepremier Salvini torna a Napoli: «Contro la camorra ci vuole l’impegno di tutti, il contrasto ai clan richiede tempo»
– Portici, due ladri colpiscono un bar: il titolare pubblica sui social le immagini dei balordi riprese dalle telecamere
Assalto dei terroristi in Nuova Zelanda, strage in due moschee: ci sono 48 morti. L’attacco ripreso live da un attentatore

lunedì, 18 marzo 2019 - 09:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA