Inchiesta nella stazione della Circum, attesa per le motivazioni del Riesame: i rilievi della difesa del primo scarcerato

Circumvesuviana
di Laura Nazzari

Le motivazioni sulla scarcerazione di Alessandro Sbrescia, uno dei tre indagati nell’inchiesta sullo stupro di una 24enne nella stazione della Circum di San Giorgio a Cremano, saranno depositate nei prossimi giorni. E sarà un passaggio importante per capire il perché i giudici della ottava sezione penale del Tribunale del Riesame di Napoli abbiano deciso di annullare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere spiccata dal gip Valeria Montesarchio.

Agli atti resta per ora la discussione degli avvocati Eduardo Izzo e Giuseppina Rendina che avevano impugnato il provvedimento restrittivo. In sede di discussione, gli avvocati hanno sostenuto la mancanza della gravità indiziaria e l’hanno motivata evidenziando alcune contraddizioni tra il racconto della vittima e i videogrammi estrapolati dalle telecamere installate all’interno della stazione che hanno ripreso alcune fasi immediatamente precedenti alla contestata violenza. I videogrammi in questione sono quelli relativi al momento in cui la 24enne e i tre indagati entrano in ascensore. La ragazza ha sostenuto di essere stata spinta all’interno della cabina, mentre i ‘frame’ evidenzierebbero un’altra circostanza. Sbrescia, dunque, torna a casa, ma resta comunque indagato a piede libero. In sede di udienza di convalida del fermo, Sbrescia e gli altri due indagati ammissero di aver avuto un rapporto sessuale con la 24enne ma affermarono che si era trattato di un rapporto consensuale.

La procura attende adesso il deposito delle motivazioni del provvedimento per valutare la possibilità di presentare ricorso per Cassazione. Nei prossimi giorni si terrà l’udienza di Riesame per gli altri due ragazzi.

Leggi anche:
Omicidio D’Andò, colpo di scena in aula Confessano 4 uomini del clan Pagano:
«Vi diciamo dove è sepolto il corpo»
Violentata nella stazione della Circum di San Giorgio a Cremano, scarcerato dal Riesame uno dei tre arrestati
– Strade di sangue, ancora 2 morti: ragazzo perde la vita tra le fiamme nel Casertano Incidente a Sant’Antimo: muore 37enne
– Nicoletta, accoltellata e poi bruciata: l’orrore di Marsala passato sotto traccia. Confessano l’amica e il fidanzato
– Violenza a donne e bimbi, pene più alte e nuovo reato per chi sfigura la sua donna: le dieci misure speciali dei grillini
– Bruciata viva dall’ex mentre era incinta, confermati in Cassazione i 18 anni per l’aggressore di Carla Caiazzo
– I fondi ‘neri’ dei Casalesi: ecco come il clan casertano convertiva le vecchie lire in euro Soldi destinati anche in Svizzera
– Confiscati beni per 30 milioni di euro a ‘ndrangheta e Casamonica in tutta Italia

venerdì, 22 marzo 2019 - 13:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA