Tentata estorsione a due commercianti: imputati condannati a 4 anni complessivi Gli episodi avvennero a Brusciano

Tribunale Giustizia

L’accusa contestata era quella di due tentativi di estorsione aggravati dalla matrice camorristica. Aggravati sia dall’aver agito mediante violenza o minaccia, ma anche da una presunta vicinanza al neonato gruppo criminale operativo a Brusciano che fa capo ai Palermo. Antonio Iannucci, 27 anni, e Giovanni Accietto, di 60 anni, rischiavano per questa ragione una condanna severa.

Il pubblico ministero antimafia Liana Esposito aveva chiesto per ciascuno dei due imputati pene intorno ai sei anni. Ma in tarda serata il giudice per le indagini preliminari Tirone del Tribunale di Napoli, pur recependo l’impostazione accusatoria, ha condannato Antonio Iannucci e Giovanni Accietto a pene più contenute. In particolare Iannuncci, che non ha altri precedenti alle spalle, è stato condannato ad un anno e 8 mesi ed ha beneficiato della sospensione condizionale della pena; entro domani il 27enne sarà dunque scarcerato. Nei suoi confronti il pubblico ministero aveva chiesto sei anni. Accietto, che ha precedenti, è stato invece condannato a due anni, due mesi e 20 giorni e resta detenuto in prigione; il pm aveva proposto 6 anni e mezzo di reclusione.

Il processo si è definito con la modalità del rito abbreviato, formula che prevede lo sconto di un terzo della pena. Nello stabilire l’entità della condanna il giudice ha tenuto conto anche delle argomentazioni della difesa che aveva proposto la concessione delle attenuanti generiche: Iannuncci è stato difeso dagli avvocati Marcella Monaco e Laura Filippucci, mentre Accietto è stato difeso dall’avvocato Marcella Monaco. I due imputati sono stati riconosciuti colpevoli di aver provato ad imporre il pizzo al titolare di un’autocarrozzeria a Brusciano e al titolare di un negozio di colori e ferramenta. Per questi fatti vennero arrestati ad ottobre dai carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna. Accietto era stato scarcerato nel precedente mese di febbraio dopo aver trascorso in carcere 14 anni.

Leggi anche:
– Condannato in Appello, ritorna in carcere il ‘re del pane’ vicino ai Casalesi
– Deposito auto e rifiuti speciali pericolosi Sequestri per 5 milioni nel Napoletano
– Galletta, vittima innocente della camorra: l’accusa di omicidio non regge, il Riesame annulla l’ordinanza a carico di Ciro Contini
– Paura nel Napoletano, bomba carta esplode davanti a un negozio di biciclette
– Luci d’artista a Salerno, Corte dei Conti: irregolarità nell’assegnazione degli appalti, danno erariale per 850mila euro
– Emergenza carceri, allarme del Garante: «Detenuti aumentati di 2.047 unità, sovraffollamento non è fake news»
– Stupro nella Circum di San Giorgio a Cremano, il referto conferma: fu abuso
– Lungo stop per il termovalorizzatore di Acerra, riaffiora l’incubo emergenza rifiuti De Luca: «Prepareremo sito di stoccaggio»

mercoledì, 27 Marzo 2019 - 20:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA