Prestiti a tassi usurari a commercianti e privati cittadini, una vittima denuncia: 3 indagati tra Napoli e Caserta

Carabinieri

Un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari e due obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria sono stati notificati dai carabinieri di Marcianise (in provincia di Caserta) a tre presunti usurai residenti a Sant’Arpino, nel Casertano e nei comuni partenopei di Melito e Casavatore. Agli arresti è finito un 43enne; le misure sono state emesse dal gip del Tribunale di Napoli Nord su richiesta della Procura.

Per gli inquirenti gli indagati avrebbero prestato sin dal 2015 somme di danaro applicando tassi usurai, pari al 20%, ad almeno dieci vittime, tra commercianti e privati cittadini; è stata proprio una delle vittime ad abbattere il muro di omertà denunciando, nel settembre 2018, i presunti strozzini ai carabinieri. Le indagini hanno subito riscontrato l’ampiezza del fenomeno.

Leggi anche:
– Durazzano, lite e fucilate in piazza: arrestato il 52enne che ha ucciso due persone, si indaga ancora sul movente
– Fu sospeso per un’inchiesta sui migranti, torna in servizio e accede alla banca dati della procura: finisce ai domiciliari
– Dà appuntamento all’ex moglie e la uccide. Omicidio a Enna, la vittima aveva 40 anni
– Ucciso a 33 anni con una coltellata alla gola, confessa l’assassino: «Ho scelto lui perché era felice, io invece non ho niente» | La follia a Torino
– Napoli, 2 fratelli feriti a colpi di pistola in 2 circostanze diverse: la polizia indaga
– Afragola, spunta l’ipotesi vendetta per l’omicidio del cognato del ras Favella
– Inchiesta sullo stupro nella Circum: quando la rabbia non sente ragioni
e men che meno le ragioni di Diritto

lunedì, 1 Aprile 2019 - 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA