Giustizia sociale, sicurezza e lavoro:
torna a Roma il Salone della Giustizia,
tre giorni tra convegni e workshop

salone giustizia

Sei convegni e 18 workshop: il filo conduttore sarà la Giustizia. Dal 9 all’11 aprile torna l’appuntamento con il Salone della Giustizia che quest’anno compie dieci anni e che quest’anno  si avvarrà della partnership ufficiale di Deloitte e dell’Università Luiss Guido Carli: la tre giorni si svolgerà al centro congressi dell’hotel Parco dei Principi a Roma.

Al centro del dibattito, oltre alle problematiche relative alla Costituzione, le tematiche che riguardano lavoro, redistribuzione e Giustizia sociale, la condizione femminile in Italia e all’estero, anche il crescente antisemitismo in Europa, il ruolo degli investimenti pubblici e privati, la sicurezza nazionale interconnessa con la cooperazione internazionale e, infine, le carenze organiche del settore giudiziario.

A inaugurare la prima giornata, martediì 9 aprile, sarà il presidente della Corte Costituzionale, Giorgio Lattanzi, con una relazione introduttiva al convegno dal titolo “Sana e robusta Costituzione”, a cui prenderanno parte Gian Domenico Caiazza, presidente dell’Unione Camere penali, Andrea Mascherin, presidente Consiglio nazionale forense, la vicepresidente della Luiss Paola Severino, il professor Massimo Luciani, costituzionalista, e Carlo Malinconico, presidente del Salone della Giustizia. Nella tavola rotonda dedicata invece a “Lavoro, redistribuzione e Giustizia sociale”, saranno trattati temi di particolare attualita’ come il decreto Dignita’ e il reddito di cittadinanza.

Ad aprire i lavori della seconda giornata, mercoledì 10 aprile, sarà un messaggio del presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. Mercoledi’ un intero dibattito, “E’ solo una donna/Only a woman”, sarà invece dedicato alla condizione femminile: tra le relatrici Mara Carfagna, vicepresidente della Camera e Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia. Dimensione internazionale anche per l’evento “60 minuti per riflettere – Il nuovo antisemitismo in Europa”, promosso da Solomon, Osservatorio sulle discriminazioni, e prevede l’intervento di Pascal Markowicz, avvocato e rappresentante del Crif (Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia). Relatori saranno Donatien Le Vaillant, magistrato, consigliere per la Giustizia e le relazioni internazionali del Dilcrah (la delegazione interministeriale del governo francese per la lotta contro il razzismo, l’antisemitismo e l’odio anti-LGBT) e Imam Hassen Chalghoumi, presidente della Conferenza degli Imam di Francia e Imam della Moschea di Drancy. Sui temi economici poi si concentrera’ il convegno “Il ruolo degli investitori istituzionali per una ipotesi di rilancio del Paese”.

La giornata conclusiva, invece si aprirà parlando di minacce cibernetiche e terroristiche nel corso del convegno “Sicurezza nazionale e cooperazione internazionale”, con l’intervento, tra gli altri, di Ofer Sachs, ambasciatore dello Stato di Israele in Italia e di Franco Gabrielli, capo della Polizia. Infine, un incontro sarà dedicato alle carenze organiche del settore giudiziario nel corso del convegno “Buona Giustizia, ottimi investimenti”, al quale è previsto l’intervento di Lewis Eisenberg, ambasciatore Usa in Italia, di Lucio Barra Caracciolo, sottosegretario per gli Affari europei e di Raffaele Cantone, presidente dell’Anac.

Tra i 18 workshop, inoltre, quello dell’Unione Camere penali italiane dal titolo “Un pubblico ministero indipendente dalla politica e un giudice indipendente dal pubblico ministero”, quello sulla “La moneta e i flussi finanziari. Dal fior di conio alla blockchain” e un incontro, organizzato dall’Ordine degli avvocati di Roma per discutere di equo compenso. Nella giornata conclusiva, Giulio Tremonti, ex ministro dell’Economia, introdurra’ “Quo vadis Europa”, mentre l’avvocato Annamaria Bernardini De Pace affrontera’ il tema della “Famiglia di oggi e di domani. Tra patti e riscatti”. A chiudere i lavori di questa significativa edizione sarà Giuseppe Severini, vicepresidente del Comitato scientifico.

Leggi anche:
Stefano Leo ucciso perché era felice, Bonafede manda gli ispettori in Tribunale: il killer era libero per un errore
Napoletano ucciso a Città del Messico, secondo la polizia vendeva prodotti cinesi spacciandoli per tedeschi
– Accusò 3 carabinieri di essere al soldo del clan, ex vicebrigadiere ritratta: «Ho inventato tutto, volevo lo sconto di pena»
– Importavano droga dal Marocco passando per Malaga: 20 arresti tra Italia e Spagna Hashish diretto in Campania e Nord Ovest
– Investito e massacrato di botte perché nero: arrestati 4 giovani nel Napoletano
– Inchiesta sullo stupro nella Circum, tutti i rilievi del Riesame: «Perizia psichiatrica per testare attendibilità della 24enne»
– Vittima di lupara bianca nel febbraio 2011 Ritrovato il corpo di Antonino D’Andò: i killer reo-confessi sul luogo del delitto
– Tribunale di Napoli Nord, arrivano i rinforzi: cinque nuovi pm in procura
– Non presentano la dichiarazione: evase imposte per 26 milioni di euro
Scatta il sequestro nel Napoletano

domenica, 7 aprile 2019 - 12:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA