Giustizia, Bonafede accelera sulla riforma «Va fatta con urgenza: non c’è giustizia se non ci sono i tempi brevi del processo»

Alfonso Bonafede
Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede

«Approvare, con urgenza, la riforma sui tempi del processo» perché «non c’è giustizia se non ci sono i tempi brevi del processo». Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede annuncia così l’intenzione di arrivare quanto prima alla riforma del processo penale. E lo fa con un lungo post sulla sua pagina Facebook. «È una riforma che chiedono (e, giustamente, pretendono) tutti i cittadini, dagli imprenditori ai consumatori! In queste settimane ci sono stati numerosi confronti politici e tecnici che hanno dato un contributo importantissimo. I tavoli di confronto con i rappresentanti di avvocati e magistrati si sono conclusi circa tre settimane fa. In tutti questi giorni, gli uffici sono stati impegnati a scrivere la bozza di legge delega da portare in Consiglio dei ministri», scrive.

Il ministro annota poi anche le riforme in materia di Giustizia che sono state approvate nonostante le critiche arrivate (a seconda dei casi) dall’Associazione nazionale magistrati e dall’Unione delle Camere penali: «In questi mesi abbiamo lavorato per rafforzare la certezza della pena. La legge spazzacorrotti, quella sul rito abbreviato e la legge sul codice rosso sono tutte norme che eliminano sconti di pena e che sanciscono, come mai era accaduto prima d’ora, che chi sbaglia paga!».

Poi il Guardasigilli scrive delle riforme in cantiere, sulle quali si sta lavorando: «La riforma sui tempi del processo civile è pronta; sul processo penale ci sono ancora alcuni punti da definire, per cui la prossima settimana ci sarà un vertice di maggioranza col presidente Conte. L’obiettivo, sia per il civile che per il penale, è il dimezzamento dei tempi del processo mantenendo sempre le piene garanzie dei diritti dei cittadini. Per anni la giustizia è stata invischiata nel dibattito politico ed è rimasta ferma, inchiodata a procedure ormai superate dai tempi e dallo sviluppo delle nuove tecnologie. Abbiamo aggiornato tutto e siamo pronti a partire!».

Leggi anche:
Napoli, il tesoro del gruppo Alma: villa a Capri, auto, barche, lingotti e opere d’arte Sequestrati anche 23 milioni | Video
– Eternit, l’amianto killer a Bagnoli: comincerà domani il processo al magnate svizzero, accusato di 8 decessi
– Carte di credito clonate, migliaia i casi di truffe in Italia: 3 arresti e 10 indagati Acquistati orologi, auto e carburante
– Avellino, bus in scarpata: strage evitabile Le motivazioni della sentenza: «Barriere non in buone condizioni», tutte le colpe
– Cardito, bimbi massacrati di botte: arrestata anche la madre dei piccoli Giuseppe, 7 anni, rimase ucciso
– A Napoli smantellata piazza di spaccio, arrestate 11 persone: c’è un minorenne. Una 57enne a capo della struttura | Video

giovedì, 11 Aprile 2019 - 18:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA