Effetto Canova al Museo Archeologico,
in 15 giorni già 60mila visitatori

Canova Mann

Ottimi numeri per la mostra “Canova e l’antico”, in calendario al Museo archeologico nazionale di Napoli dal 28 marzo scorso sino al prossimo 30 giugno. Nei primi 15 giorni di programmazione, sono stati 60mila i visitatori che hanno ammirato le oltre 110 opere inserite nel percorso espositivo realizzato nelle sale dell’Archeologico: tra i capolavori del Maestro di Possagno, in mostra al Mann, figurano le celebri sculture de “Le tre Grazie”, “Amore e Psiche stanti”, “Ebe”, “Danzatrice con le mani sui fianchi”, provenienti dal Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo.

L’effetto Canova fa registrare, così, un trend in crescita delle presenze di circa il 30% rispetto all’omologo periodo del 2018. «Canova a Napoli è un’occasione unica, imperdibile, mai vista», commenta il direttore del Mann, Paolo Giulierini. «Tre anni di lavoro con le più importanti istituzioni italiane e mondiali – aggiunge – hanno generato una mostra che lascerà per sempre il segno. Siamo orgogliosi delle decine di migliaia di visitatori che in questi giorni affollano il Mann e ci confermano una scelta che definire vincente è poco», conclude.

Leggi anche:
– Foggia, Salvini pubblica la foto dell’arrestato a terra e col sangue sul volto: perché non riproponiamo lo scatto
– Carabiniere ucciso, l’assassino avrebbe ucciso per ritorsione dopo alcuni controlli Il militare rimasto ferito è di Caserta
– Carabiniere ucciso nel Foggiano, l’omaggio dell’Arma: «Siamo tutti orfani di Vincenzo» A novembre morì Emanuele Reali
– Mattarella in visita al rione Sanità, il grido d’aiuto dei residenti: «Finite le passerelle, qui torna la paura»
– Spari ad un posto di blocco: muore un maresciallo dei carabinieri, ferito il collega. Fermato un 67enne nel Foggiano

domenica, 14 aprile 2019 - 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA