Giustizia, Ermini (Csm) sui giudici: «Emettono sentenze in nome del popolo ma non secondo la volontà del popolo»

Tribunale Giustizia

«Il giudice non viene eletto perché non deve seguire il consenso, ma deve applicare la legge». Lo ha detto stamani a Ravenna David Ermini, vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura durante l’evento a ricordo del magistrato Pier Paolo Casadei Monti.

«Se il giudice sbaglia ci sono dei sistemi costituzionali a cui ci si può rivolgere. Se invece ha commesso un reato c’è il codice penale e ci sono gli altri colleghi. E’ però necessario che alla sentenza del magistrato venga riconosciuta legittimazione. Il giudice – ha proseguito durante il dibattito – emette una sentenza in nome del popolo italiano ma non secondo la volontà del popolo italiano. Il processo non e’ un referendum. Tante volte il giudice soffre nell’emettere una sentenza, siamo in un mondo in cui si guardano i titoli e non si approfondisce niente, figuriamoci se si legge una sentenza».

A margine dell’iniziativa, Ermini ha poi ricordato Pier Paolo Casadei parlando con i giornalisti: «Ci sono tanti magistrati come lui ma serve un sempre maggiore impegno da parte del giudice come buon senso, equilibrio, competenza e spirito di servizio. Delegittimare la magistratura porta dei guai molto forti».

Leggi anche:
– 
Afragola, via gli abusivi dalle case: ordinanza di sgombero per 3 famiglie. Maxi-spiegamento di forze dell’ordine
Incidente mortale sul raccordo autostradale: un 17enne perde la vita, grave un suo coetaneo
Giustizia, l’allarme dei sindacati: «Carenze di un lavoratore su 4 negli uffici giudiziari»
– Foggia, Salvini pubblica la foto dell’arrestato a terra e col sangue sul volto: perché non riproponiamo lo scatto
– Carabiniere ucciso, l’assassino avrebbe ucciso per ritorsione dopo alcuni controlli Il militare rimasto ferito è di Caserta
– Carabiniere ucciso nel Foggiano, l’omaggio dell’Arma: «Siamo tutti orfani di Vincenzo» A novembre morì Emanuele Reali
– Mattarella in visita al rione Sanità, il grido d’aiuto dei residenti: «Finite le passerelle, qui torna la paura»
– Spari ad un posto di blocco: muore un maresciallo dei carabinieri, ferito il collega. Fermato un 67enne nel Foggiano

lunedì, 15 aprile 2019 - 14:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA