Lavoro nero negli hotel di Ischia e Capri, scoperte 116 posizioni irregolari


Controlli a tappeto nelle strutture ricettive di Capri e Ischia allo scopo di arginare il fenomeno del lavoro nero. Nel corso delle ispezioni gli uomini della Guardia di Finanza hanno individuato sedici imprese che impiegavano 110 operai con mansioni di muratori, imbianchini, piastrellisti ed elettricisti.

Nello specifico, nei 15 interventi eseguiti complessivamente presso strutture ricettive ubicate in Ischia, Sant’Angelo, nonché nelle principali vie di Capri, sono state individuate 16 imprese che impiegavano 110 addetti con mansioni di muratore, imbianchino, piastrellista ed elettricista. Nell’immediatezza sono emerse 40 posizioni completamente in nero, tra le quali, a Capri, anche un caso di sfruttamento di lavoro minorile. Emblematico il caso di un hotel di Barano d’Ischia, dove a fronte di 19 dipendenti, identificati sul posto, ben 15 sono risultati non assunti, in spregio delle norme che tutelano i diritti dei lavoratori.

Leggi anche:
– 
Raid incendiario contro la sede della Lega. L’episodio a Casoria, il candidato sindaco Russo: «Atto vile, non arretriamo»
– Scuola, piano del Viminale contro la droga. Quattro milioni da destinare a 100 comuni: ecco la mappa dei fondi stanziati
– Prestiti con tassi usurai del 240%, un intero nucleo familiare di Trecase finisce sotto inchiesta: eseguiti 6 fermi
Camorra, morto il ‘boss dei due mondi’: Mario Fabbrocino fu tra gli acerrimi nemici di Cutolo, stava scontando l’ergastolo
– Napoli, l’assalto dei turisti ai ‘B&B’: multe ai titolari delle strutture nella zona bene, sanzioni per pizzerie e agenzie di viaggio
– Attentanti in Sri Lanka, i morti sono 321 Tra le vittime pure 45 tra bimbi e ragazzi. Il Governo: «E’ la risposta alla strage in Nuova Zelanda
Accoltella la moglie davanti ai tre figli, 59enne finisce in manette. Tragedia sfiorata a Roma
Vendeva posti (fantasma) di lavoro alla Federico II: ex impiegato rinviato a giudizio per truffa

venerdì, 26 aprile 2019 - 12:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA