Minacce all’impresa del cantiere Unesco, il Comune: «la ditta tornerà al lavoro lunedì»

Cantiere porta capuana

Riaprirà lunedì il cantiere Unesco chiuso stamattina dopo le reiterate minacce del racket a Napoli. L’epilogo della vicenda dopo che il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha ricevuto i titolari della ditta ‘La Spinosa’ che stava lavorando al restyling di Porta Capuana. Da fonti del Comune di Napoli si apprende che a seguito dell’incontro la ditta ha dato la sua disponibilità a riaprire il cantiere e a proseguire nei lavori. Pertanto il cantiere sarà di nuovo all’opera già nella giornata di lunedì.

La ditta ‘La Spinosa’ stava lavorando a Porta Capuana nell’ambito del Grande Progetto Unesco prima di subire le minacce del racket per due giorni consecutivi. Di qui la decisione del titolare di richiamare a casa gli operai e sospendere i lavori da oggi. A far tornare sui propri passi i proprietari dell’impresa – a quanto si apprende – è stata la grande attenzione e la vicinanza ricevuta dalle istituzioni cittadine. Una vicenda – da quanto si apprende – che Palazzo San Giacomo ha seguito dalla giornata di ieri col sindaco in prima persona ma anche col Capo di Gabinetto Attilio Auricchio, l’assessore Calabrese e i responsabili della polizia locale.

Leggi anche:
– Tutti vogliono diventare nagivator: 79mila domande per 3mila posizioni, Campania prima per numero di istanze
Napoli, il racket sfratta il cantiere dal sito Unesco: la ditta minacciata dalla camorra L’ira dei residenti: «Lo Stato si è arreso»
– Soldi dei Polverino riciclati in box auto al Vomero: frana l’inchiesta sulla ‘Napoli bene’, assolti commercialisti e ristoratore
– Pamela, uccisa e fatta a pezzi. Chiesto l’ergastolo per Oseghale, il pm: «Non merita alcuna attenuante»
– Alma, maxi evasione fiscale da 70 milioni di euro: resta in carcere Luigi Scavone
– La Supplica di Pompei dedicata a Noemi: condizioni ancora gravi, pioggia di messaggi sul cancello del Santobono

giovedì, 9 maggio 2019 - 17:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA