Camorra, chiesto l’ergastolo per i Rinaldi-Minichini: accusati dell’omicidio del boss Cepparulo e dell’innocente Colonna

Ciro Colonna, il 19enne ammazzato per errore in un agguato di camorra
di Manuela Galletta

«Un fatto gravissimo», non solo per le modalità dell’agguato, per la tenacia che i Rinaldi-Minichini hanno dimostrato nel portare a termine l’omicidio del boss della Sanità Raffaele Cepparulo detto ‘Ultimo’, ma sopratutto perché quell’agguato è culminato nella morte di una vittima innocente, il 19enne Ciro Colonna.

È con queste parole che il pubblico ministero antimafia Antonella Fratello ha chiesto la condanna all’ergastolo di tutti i gli imputati per il duplice omicidio avvenuto a Ponticelli, in un circoletto ricreativo nel Lotto 0, nel giugno 2016. La richiesta di condanna all’ergastolo ha intetessato tra gli altri il boss di San Giovanni a Teduccio Ciro Rinaldi (mandante), Michele Minichini (che sparò a Cepparulo), Antonio Rivieccio (che uccise Colonna), Anna De Luca Bossa, Vincenza Maione e Luisa De Stefano. Il processo si sta svolgendo con la modalità del rito abbreviato. L’udienza si è tenuta nell’aula 413 del palazzo di Giustizia.

Leggi anche:
– Napoli, agguato in piazza Nazionale, presi i fratelli Del Re: vittima seguita da tempo
– Scontro auto-scooter nella notte: muore un 17enne, autista accusato di omicidio stradale nel Napoletano
– La Supplica di Pompei dedicata a Noemi: condizioni ancora gravi, pioggia di messaggi sul cancello del Santobono
– Minacce all’impresa del cantiere Unesco, il Comune: «la ditta tornerà al lavoro lunedì»
– Tutti vogliono diventare nagivator: 79mila domande per 3mila posizioni, Campania prima per numero di istanze
Napoli, il racket sfratta il cantiere dal sito Unesco: la ditta minacciata dalla camorra L’ira dei residenti: «Lo Stato si è arreso»

venerdì, 10 maggio 2019 - 13:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA