Napoli, minacce alla ditta del cantiere
di Porta Capuana: estorsore arrestato

Cantiere porta capuana

Richieste di pizzo alla ditta che si sta occupando dei lavori di restyling di Porta Capuana, c’è la svolta. Le forze dell’ordine hanno appurato l’identità dell’uomo che martedì e mercoledì scorso ha minacciato i dipendenti della Spinosa Costruzioni intenti a lavorare nel cantiere. Si tratta di Antonio D’Andrea. L’uomo è stato arrestato dagli agenti di polizia. L’attività investigativa condotta sotto il coordinamento della Dda di Napoli, ha preso avvio dalla visione dei filmati dei sistemi di video-sorveglianza del cantiere che ha consentito l’individuazione del modello e della targa dello scooter utilizzato dall’estorsore. Da qui si è arrivati a D’Andrea.

Nella mattinata del 7 maggio, secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, D’Andrea, 47 anni, a bordo di uno scooter SH di colore bordeaux si era recato al cantiere, intimando ad uno degli operai presenti di sospendere l’attività e di riferire al responsabile dei lavori di andare a parlare con «gli amici della Maddalena» se avesse voluto continuare a lavorare in tranquillità. La minaccia estorsiva è apparsa chiara sin da subito, soprattutto alla luce del riferimento fatto dall’uomo agli «amici della Maddalena», senza alcun dubbio individuabili nei componenti del gruppo criminale radicato nel rione. Il giorno seguente, 8 maggio, sempre a bordo dell’Honda SH, si è avvicinato nuovamente al cantiere e, constatata la regolare presenza del personale della ditta, ha minacciato lo stesso operaio con il quale aveva parlato il giorno prima, ribadendo la pretesa estorsiva ed intimando in maniera perentoria di sospendere i lavori, almeno fino a quando non avessero parlato con gli «amici della Maddalena».

Leggi anche:
– Minacce alla ditta,
riapre il cantiere del sito Unesco di Porta Capuana a Napoli
– Racket, imprenditore denuncia: estorsore arrestato in flagranza nel Napoletano
– Bimba ferita in un agguato a Napoli, il gip lascia in cella Armando Del Re: il 28enne accusato di avere sparato
– Vela Verde, apre il cantiere a Scampia: sarà abbattuta in sei mesi, il sindaco dedica la giornata a Noemi
– Ucciso e sepolto dagli amici a San Giovanni a Teduccio, confessano altri 2 imputati. Accordo in Appello per lo sconto di pena: niente ergastolo
Bimba ferita in un agguato a Napoli, i pm: «Indagati pronti a fuggire, hanno sfruttato il clima di omertà sul territorio»
– Camorra, arrestato il latitante Arturo Sparandeo: era al mare a Campobasso

lunedì, 13 maggio 2019 - 13:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA