Camorra, la Corte di Cassazione annulla
la decisione del Riesame per l’ex sindaco
di Capua e primario Carmine Antropoli

Cassazione
La Cassazione

Sarà un’altra sezione del Tribunale del Riesame di Napoli a decidere sulle esigenze cautelari e sui gravi indizi di colpevolezza, in relazione al concorso esterno in associazione camorristica, per Carmine Antropoli, chirurgo ed ex sindaco di Capua (Caserta) arrestato lo scorso febbraio insieme all’imprenditore agricolo Francesco Zagaria ritenuto vicino al clan dei Casalesi.

A deciderlo è stata la quinta sezione della Corte di Cassazione che ha annullato la precedente decisione di conferma del Riesame, rinviando la trattazione ad una nuova sezione nonostante la richiesta di conferma del Procuratore generale. Nel frattempo, dopo quattro mesi di carcere, l’altro giorno ad Antropoli sono stati concessi (dal gup dell’udienza preliminare che l’ha rinviato a giudizio), gli arresti domiciliari in una località fuori dalla Campania. Con la nuova decisione che si attende nei prossimi giorni, i giudici del Riesame, potrebbero ulteriormente modificare la misura all’ex sindaco di Capua difeso dagli avvocati Vincenzo Maiello e Mauro Iodice

 

Leggi anche:
Mafia, estorsione, stupefacenti e tentati omicidi: decine di arresti in tutta Italia
– Bufera sui magistrati, è tutti contro tutti Tre consiglieri del Csm in quota Mi contro Anm: «Richiesta di dimissioni infondata»
– Antonio Giglio, il bimbo volato giù da un palazzo al Parco Verde come Fortuna Loffredo: imputazione coatta per la madre
Bambini maltrattati in un asilo, insegnanti ai domiciliari nell’Avellinese: c’è anche un’accusa di violenza sessuale
Noa e la falsa notizia dell’eutanasia: la 17enne si è lasciata morire in casa di fame e di sete. Cappato: «Ora smentite e scuse»
– Bufera sui magistrati, il premier Conte censura la contiguità con la politica
De Magistris: «Uno schifo già visto»
– Circumvesuviana, è ancora sciopero: disposto un blocco delle corse per 4 ore per la giornata di giovedì 6 giugno

giovedì, 6 giugno 2019 - 11:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA