Omicidio dell’innocente Ciro Colonna
e del boss Cepparulo: confessano le tre donne sul banco degli imputati

Ciro Colonna
Ciro Colonna, il 19enne ammazzato per errore in un agguato di camorra

Quando il giudice per le indagini preliminari ha dichiarato aperta l’udienza, le tre donne imputate per il duplice omicidio del boss della Sanità Raffaele Cepparulo e dell’innocente Ciro Colonna (di 19 anni) hanno alzato la mano e hanno chiesto di rendere dichiarazioni spontanee. Anna De Luca Bossa, la reginetta del Male nel Lotto 0 di Ponticelli, e le cosiddette ‘pazzignane’ Luisa De Stefano e Vincenza Maione hanno ammesso gli addebiti.

Hanno cioè riconosciuto la propria responsabilità in ordine all’agguato che si è consumato il 7 giugno del 2016 all’interno di un circoletto ricreativo nel Lotto 0 a Ponticelli. Luisa De Stefano, in particolare, ha riferito di essere stata anche costretta a chiudere un negozio a causa dei raid che il boss Raffaele Cepparulo aveva commesso ai loro danni. Le dichiarazioni delle tre donne cadono nell’udienza dedicata alle discussioni dei difensori degli imputati.

Il pubblico ministero Antonella Fratello aveva già concluso nella scorsa udienza chiedendo la condanna all’ergastolo di tutte le otto persone sotto accusa. Il pm inoltre aveva chiesto al gip di non concedere le attenuanti a nessun imputato e men che meno a Michele Minichini (che uccise Cepparulo), il quale ha inviato una lettera di scuse alla famiglia Colonna. Il pm aveva già bollato come tardive quelle scuse, essendo esse intervenute in presenza di un quadro indiziario solido grazie alla messe di intercettazioni telefoniche e ambientali. A seguito delle dichiarazioni rese dalle tre donne, l’udienza è stata rinviata al 24 giugno: l’avvocato Claudio Davino che avrebbe dovuto discutere oggi ha chiesto e ottenuto un rinvio dell’udienza.

Leggi anche:
– Bufera sulle toghe, il giudice Morlini si dimette dalla corrente Unicost ma resta nel Csm. Polemiche dal suo ex gruppo
– Eutanasia, i giallo-verdi in difficoltà: quasi finito il tempo dato dalla Consulta, si interverrà solo sull’aiuto al suicidio
– La bufera sulle toghe travolge l’Anm: termina dopo due mesi l’era Grasso, domenica si vota il rinnovo della giunta
– Napoli, aveva quasi 2 chili di stupefacenti nel sottoscala: 43enne arrestata
– Camorra, due latitanti stanati al mare: presi esponenti del clan Rinaldi
– Lavoro, riprendono i tavoli di crisi al Mise Da Whirlpool a Blutec, passando per Ast: tutti gli appuntamenti fino a luglio
– Incidente mortale a Napoli, auto investe pedoni: donna perde la vita in via Petrarca

lunedì, 10 giugno 2019 - 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA