Bufera sulle toghe: azione disciplinare per i togati del Csm autosospesi, procedura di incompatibilità per i pm indagati


Nell’attesa che i quattro consiglieri togati del Csm, auto-sospesi perché toccati dall’inchiesta di Perugia, decidano se dimettersi o riprendersi la propria funzione, il Consiglio superiore della magistratura si muove sul fronte disciplinare. L’azione disciplinare è stata avviata nei confronti dei quattro consiglieri togati autosospesi del Csm, Paolo Criscuoli, Antonio Lepre, Corrado Cartoni (Magistratura Indipendente) e Gianluigi Morlini (che si è dimesso da Unicost).

Secondo quanto si apprende, il procedimento sarebbe stato avviato dal pg della Cassazione, Riccardo Fuzio. Inoltre la prima Commissione del Csm ha avviato la procedura di trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale e funzionale per i magistrati indagati a Perugia, ossia il pm romano Luca Palamara, il pm a Castrovillari Luigi Spina (che si è dimesso dal Csm) e il pm romano Stefano Fava.

Leggi anche:
– 
Sentenze spesso incomprensibili, accordo per un linguaggio chiaro tra Consiglio di Stato e Accademia della Crusca
– Bufera sulle toghe e crisi in Anm, Salvini: «Le correnti non funzionano, serve una riforma storica con magistrati e avvocati»
– Via libera al Sicurezza bis | Ong, ordine pubblico, assunzioni e daspo: cosa prevede il testo del decreto
– Nomine in Campidoglio, chiesti due anni per l’ex braccio destro di Virginia Raggi
– Napoli ricorda Silvia Ruotolo, vittima innocente della camorra
– Camorra, ucciso dal clan perché chiedeva il pizzo senza autorizzazioni dei boss: 5 arresti per l’omicidio Balestrieri a Pianura

mercoledì, 12 giugno 2019 - 13:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA