Cannabis light, riapre il Green Planet Grow Shop a Caserta: il gip dispone dissequestro

Virgilio Gesmundo
Virgilio Gesmundo incatenato alla serranda del proprio negozio (foto Kontrolab)

Il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha ordinato il dissequestro del negozio Green Planet Grow Shop di Caserta, che vende cannabis light e prodotti per la coltivazione della canapa. L’attività era stata sequestrata il 31 maggio scorso dai carabinieri insieme ad altri tre negozi simili.

Il 27enne Virgilio Gesmundo, titolare e gestore del Green Planet ubicato a via Gemito, pieno centro di Caserta, qualche giorno dopo il sequestro, si era incatenato per protesta davanti al suo negozio, chiedendo che venisse riaperto «perché non vendo solo infiorescenze, ma anche concimi, e altri prodotti per l’agricoltura».

Il Gip ha accolto l’istanza dei suoi legali, Lorenzo Simonetti e Claudio Miglio, ma Gesmundo per ora non potrà vendere la cannabis light; dovrà attendere che arrivino gli esiti degli esami sui 16 grammi che gli sono stati sequestrati, e che per il 27enne, contengono un livello di thc inferiore alla soglia definita ‘drogante’ dalla legge.

Leggi anche:
– 
Napoli, avvocato molestata in Tribunale: «Ferita dal disinteresse della categoria». Quell’indifferenza che pesa sui penalisti
– Una notte in cella a causa di un’accusa non approfondita, scarcerato il regista Derviso. Il gip censura il lavoro di indagine
– La caserma Battisti di Napoli diventerà un carcere, il ministro Bonafede: «Investiti 5 milioni e ne arriveranno altri 10» | Video
– Vicenza, si aggrappò all’auto per non farsela rubare ma rimase uccisa: due arresti per la morte di Michaela
– Radio Radicale è salva, la Lega scarica i grillini. Salvini: «Non si chiude una radio o un giornale con un tratto di penna»
– La Fondazione Banco di Napoli resta commissariata: il Tar del Lazio respinge il ricorso contro il decreto del ministero

venerdì, 14 giugno 2019 - 18:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA