Clan Di Lauro, quella ‘vedetta’ con l’Uzi in mano fuori la casa del ras Salvatore Immagini girate nel 2014 | Video


Più volte guarda l’arma da guerra, una Uzi, che ha tra le mani, la maneggia, poi la carica e scarica. Guarda ogni auto che passa, e chi è al volante già sa che se passa davanti casa del boss Salvatore Di Lauro non deve né accelerare troppo, né rallentare troppo. Lui è li’ a fare la guardia armata, come un militare davanti a un obiettivo sensibile.

E’ Salvatore Aldo l’uomo che le telecamere riprendono nel luglio del 2014 mentre assolve al ruolo di ‘vedetta armata’ davanti alla casa di uno dei figli del boss Paolo Di Lauro nel ‘Terzo Mondo’ di Secondigliano. Le immagini sono state allegate agli atti dell’inchiesta che stamattina ha colpito sia i Di Lauro che alcuni esponenti della Vanella Grassi per reati, contestati a vario titolo, che vanno sotto la voce di associazione mafiosa, tentato omicidio e concorso esterno in associazione di stampo mafioso. Sia Salvatore Aldo che Salvatore Di Lauro figurano tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Leggi anche:
– Napoli, anziana imbavagliata e uccisa in casa: terzo arresto, l’indagato accusato di essere il basista
– Impresa di caffè nella morsa dei Casalesi: estorsione per 150mila euro, tre arresti
– Clan Di Lauro: individuata la rete di chi ha curato la latitanza del boss Marco, arresti anche nella Vanella | I ruoli dei 13 arrestati
Napoli, lite in strada a colpi di casco: botte e urla alle spalle di Porta Nolana | Video
– Droga comprata in Albania e venduta nelle ‘piazze’ del Napoletano: 7 arresti. Preso il cognato del boss Tamarisco
– Napoli, agguato in piazza Nazionale. Spuntano le intercettazioni di Nurcaro: «E’ stato Del Re a sparare»
– Whirlpool Napoli, Conte incontra i lavoratori: «Azienda non dismetterà, rilancio con l’aiuto di Academy Apple»

giovedì, 20 giugno 2019 - 13:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA