Tre furti in poche settimane, ancora nel mirino il ristorante ‘Ciro a Mare’ di Portici

ciro a mare

L’associazione antiracket ‘Giovanni Panunzio’ di Portici (Napoli) si è riunita in via straordinaria esprimendo costernazione e sgomento per il terzo furto, in poche settimane, ai danni del ristorante ‘Ciro a Mare’ antistante la spiaggia ‘Le Mortelle’ chiuso dal 2009 dopo un raid incendiario e oggi in manutenzione straordinaria in attesa della riapertura. A distanza di dieci anni dall’episodio che spinse i proprietari ad apporre un lenzuolo bianco con su scritto ‘Chiuso per camorra’ a cui seguì una mobilitazione cittadina, i ladri hanno fatto incursione nella struttura portando via cio’ che ancora vi resta.

Già ‘visitato’ lo scorso 31 maggio e poi il 18 giugno, il locale nella notte tra l’8 e il 9 luglio ha subito infatti un altro furto. Sconosciuti si sono introdotti all’interno e hanno portato via undici tavoli d’acciaio, quattro cappe di aspirazione, oggetti vari e un gommone parcheggiato fuori al locale. Amaro lo sfogo di uno dei proprietari del locale, Raffaele Rossi che dopo aver presentato denuncia al Commissariato della Polizia di Stato parla di «ennesimo furto con scasso in una struttura già martoriata dalla camorra»’. Dalla struttura a giugno furono portati via utensili, cucine e macchinari per il caffe’ e solo qualche settimana prima, il 31 maggio, gommoni, banchi da cucina in acciaio, cucine e utensili vari e altri oggetti per un valore di circa 10mila euro.

Leggi anche:
– Via al piano lavoro della Regione Campania: si inizierà con 3mila assunzioni nella pubblica amministrazione
Giustizia lumaca, chiesto risarcimento: solo due udienze a sei anni dal blitz su un traffico d’oro tra Svizzera e Italia
Omicidio del figlio del ras Sabatino, l’Appello riscrive la storia: condannato solo il killer Cutarelli, assolto Lo Russo
– Armi, cartucce e manette in cassaforte: la scoperta dei carabinieri a Napoli | Video
– Statali, in vigore la riforma Bongiorno: concorsi, assunzioni e aiuti ai Comuni. Impronte digitali contro i ‘furbetti’
– Arrestato Bellomo, l’ex giudice che manipolava e umiliava le allieve. Il gip: «La scuola gli serviva per adescare le donne»

mercoledì, 10 luglio 2019 - 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA