Balneabilità della acque marine, Arpac: nuove criticità in provincia di Napoli

mare

L’Arpac, Agenzia regionale per l’Ambiente della Campania, ha concluso i controlli sulla balneabilità delle acque marine per il mese di luglio nei 328 punti monitorati dall’Agenzia. In aggiunta a questi – informa l’ Arpac – in luglio sono stati finora svolti 81 prelievi di altro tipo. Da un’analisi dei dati emergono nuove criticità in provincia di Napoli, di cui alcune rientrate in seguito ai successivi controlli.

Sono rientrati nei limiti di legge il tratto di mare di Via Partenope, a Napoli, Marina di Vita Fumo a Monte di Procida, Punta Montalto, a Massa Lubrense, e l’ex Bagno Rex a Portici, per i quali sono stati registrati «esiti favorevoli per i parametri batteriologici» sulla balneabilità.

Restano invece in divieto di balneazione tre acque del Comune di Pozzuoli: l’Area Industriale, lo Stabilimento Balneare, e La Pietra. In queste tre aree sono in corso oggi ulteriori prelievi. I risultati verranno diffusi nei prossimi giorni.

In provincia di Salerno a luglio, si sono registrati valori eccedenti i limiti normativi nelle acque Ripe Rosse, nel Comune di Montecorice, rientrati con il successivo prelievo effettuato nello stesso punto e in punti a distanza crescenti da esso. Inoltre dopo le segnalazioni della presenza di sostanze apparentemente schiumose e melmose di colore marrone, nei tratti di mare prossimi al Vallone Arena (Montecorice) ed alla spiaggia di Acciaroli, a Pollica, sono state effettuate ispezioni che non hanno evidenziato anomalie ed hanno dato esiti favorevoli alle analisi sui parametri microbiologici.

Sono rientrati nella norma anche i valori oltre il limite di legge registrati a Testene, nel comune di Agropoli. A Salerno e provincia persistono criticità a Marina di Vietri, Secondo Tratto (Vietri sul mare), Sud Picentino (Pontecagnano Faiano), “Est fiume Irno” (Salerno). Si tratta di aree che risentono dell’influenza della foce dei fiumi Bonea, Picentino e Irno. Un superamento dei valori limite di legge per Enterococchi intestinali (indicatore di contaminazione fecale) si è registrato inoltre nel Comune di Capaccio, nel tratto Licinella.

Qui sono in corso indagini per comprendere le cause della contaminazione, probabilmente identificabile nella presenza della foce del corso d’acqua Torre o in problemi dell’impianto di sollevamento fognario «Torre di Mare». Nel Casertano, la cui costa è oggetto di particolare attenzione pubblica per episodi di alterazione dell’aspetto del mare, in termini di colorazione e presenza di schiume, Arpac non ha registrato superamenti dei valori soglia degli analiti determinanti la balneabilità, nei campionamenti effettuati sull’intero litorale, confermando l’origine naturale dei fenomeni.

«I controlli routinari programmati per il mese di luglio sono conclusi, per riprendere ad Agosto – afferma il dirigente della UO Mare Arpac, Lucio De Maio – ma prosegue l’attività di monitoraggio delle acque di balneazione, anche in questi giorni». «Sono già in corso i prelievi supplementari per le acque ancora in divieto temporaneo di balneazione, insieme alle indagini conoscitive per individuare le cause della contaminazione riscontrata in questi tratti di costa. In caso di ulteriori criticità che dovessero emergere nelle prossime settimane – conclude De Maio – saranno effettuati tutti i rilievi e le ispezioni del caso per assicurare ai cittadini la salubrità del nostro mare».

Leggi anche:
– False fatture per agevolazioni fiscali sulla ricerca scientifica: 200 indagati per una maxi frode da 45 milioni di euro
– Emergenza carceri, Antigone: «In Italia sovraffollamento al 120%, il dato più alto nell’area dell’Unione Europea»
A Napoli nuove difficoltà sulla Linea 1 della Metro, Anm: «Limitazione per garantire la sicurezza degli utenti»

giovedì, 25 Luglio 2019 - 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA