Omicidio a Lloret de Mar, a processo solo uno dei 3 ceceni che aggredirono Niccolò La famiglia: «Assurdo, non ci fermeremo»

Niccolò Ciatti

Sarà processato per omicidio volontario aggravato solo uno dei tre ceceni che in una discoteca di Lloret de Mar (Spagna) il 12 agosto 2017 aggredirono e causarono la morte del fiorentino Niccolò Ciatti, 22 anni, colpendolo senza motivo sulla pista da ballo. Lo ha deciso il giudice istruttore del tribunale di Blanes sciogliendo, ieri sera, la riserva sull’udienza istruttoria del 17 luglio. A giudizio quindi va solo Rassoul Bissultanov, 26 anni, che è in carcere, mentre il giudice ha archiviato le posizioni degli altri due ceceni che parteciparono al pestaggio con Bissultanov, Khabibul Kabatov, 22, e Movsar Magomedov, 24.

Quest’ultimo fu colui che in un video si nota afferrare e gettare a terra, con tecnica di lotta, un amico fiorentino che stava andando in soccorso di Ciatti, impedendogli così di difenderlo. La famiglia di Niccolò Ciatti, parte civile nel processo, si è detta sconcertata dalla decisione del giudice.

Stamani sulla pagina Fb dedicata a Niccolò i familiari, tra cui il padre Luigi, scrivono: «Non sappiamo ancora le motivazioni della sentenza emessa dal giudice spagnolo ma ci sembra assurdo non portare a processo nessuno dei due ceceni liberi». «Speriamo veramente che un altro giudice con più esperienza legga gli atti e veda i filmati. Purtroppo le lacune da parte di questo giudice sono molto gravi ….». «Non ci fermeremo mai – si legge ancora – Niccolò deve avere giustizia e verità e fino ad ora in Spagna non c’è tutta la verità e c’à poca giustizia… Noi pretendiamo e vogliamo giustizia, non ci fermiamo davanti all’incompetenza di un giudice».

Il Guardasigilli Alfonso Bonafede riceverà al ministero, il prossimo 31 luglio, i familiari del ragazzo deceduto. E’ quanto si apprende da fonti vicine alle famiglia Ciatti, che per fissare l’incontro è stata appositamente contattata dalla segreteria del ministro. Secondo la comunicazione formale inviata da via Arenula andranno all’incontro i genitori Luigi e Laura Ciatti accompagnati dall’avvocato.

Leggi anche:
– False fatture per agevolazioni fiscali sulla ricerca scientifica: 200 indagati per una maxi frode da 45 milioni di euro
– Emergenza carceri, Antigone: «In Italia sovraffollamento al 120%, il dato più alto nell’area dell’Unione Europea»
A Napoli nuove difficoltà sulla Linea 1 della Metro, Anm: «Limitazione per garantire la sicurezza degli utenti»
– Napoli, agguato in pieno giorno a piazza Trieste e Trento: presi 3 affiliati al clan Elia
– Investe la madre mentre fa retromarcia con l’auto, muore 77enne nel Casertano
Bibbiano, la strumentale polemica politica contro il Pd si sposta a Napoli: striscione di Fdi. I dem replicano: «Sciacalli»
Caserta, tangenti in ospedale: arrestati ex primario e la moglie, la donna è la sorella del boss cutoliano Scotti

giovedì, 25 luglio 2019 - 14:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA