Novelli è procuratore aggiunto a Catanzaro: da Torre Annunziata a Napoli, quelle inchieste ‘titolate’ come i best seller

Procura di Napoli (foto Kontrolab)

Le inchieste sui falsi invalidi, quella sulle presunte irregolarità nell’ospedale del Mare e nell’Asl Napoli 1 che poi si è arenata in fase processuale. E, ancora, le indagini sui ‘furbetti del cartellino’, da ultima quella che ha travolto l’ospedale Cardarelli di Napoli portando all’iscrizione nel registro degli indagati 62 persone. Prima ancora, però, le inchieste coordinate spalla a spalla con il suo collega Paolo Fortuna. Quelle con nomi sempre originali e con contenuti, molto spesso, da prima pagina.

Giancarlo Novelli, magistrato napoletano di lungo corso che ha legato la sua attività in modo particolare ai reati contro la pubblica amministrazione, fa il salto di carriera. Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha ratificato la sua nomina a Procuratore della Repubblica aggiunto di Catanzaro. Novelli era il primo in ordine di anzianità di servizio tra i 12 magistrati che nel dicembre scorso aveva presentato la domanda per occupare il posto lasciato vacante da Giovanni Bombardieri, nominato Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria. Giancarlo Novelli affiancherà gli altri due procuratori aggiunti già in servizio a Catanzaro, Vincenzo Luberto e Vincenzo Capomolla.

«Sono molto contento – ha commentato il Procuratore della Repubblica, Nicola Gratteri – per la nomina del collega. Novelli è specializzato nel contrasto ai reati contro la pubblica amministrazione. Con lui gli uffici di Catanzaro si rafforzano». Considerata la sua esperienza nel settore della pubblica amministrazione, Novelli guiderà la Procura ordinaria, l’attuale coordinatore della quale, Vincenzo Capomolla, passerà alla Dda.

Novelli lascerà dunque a breve il suo ufficio in procura al Centro direzionale. Ufficio dove s’era insediato dopo l’addio (doloroso) alla procura di Torre Annunziata, dove il magistrato ha legato il suo nome a inchieste particolari e soprattutto dai nomi particolari. Nomi ispirati a un best seller o a un filone: ‘Cheque to chèque’ (che però si sgonfiò clamorosamente), ‘Il tenero Giacomino’, ‘Il doctor Kildare’, ‘Suor Erminia’, ‘Il gatto delle nevi’. Dalla procura di Torre Annunziata, Novelli andò via nel 2003 quando ormai lo scandalo giudiziario legato al cancelliere d’oro Domenico Vernola aveva inghiottito ciò che di buono era stato fatto e aveva smantellato i vertici del pool inquirente oplontino. Da lì in poi per Novelli è iniziato un nuovo percorso, sempre all’insegna delle inchieste volte a scoperchiare le irregolarità nella pubblica amministrazione.

Leggi anche:
– 
Sicilia, sbloccata la ‘Ragusana’: ora al via ai cantieri dell’autostrada grazie ad Anas
– Carabiniere ucciso a Roma, il grande cuore di Mario Rega: «Faceva volontariato, agli ultimi donava i suoi vestiti»
– Corruzione, il Riesame lascia in carcere il giudice napoletano Capuano e il consigliere municipale Di Dio
– Opere d’arte rubate e rivendute in Francia, 5 agli arresti domiciliari | Video
– Tentò di colpire un pm della Dda di Napoli con una stampella: il boss Belforte sotto accusa
– Caserta, l’«ospedale dei misteri»: il filo rosso che unisce l’inchiesta sulle tangenti alla latitanza del boss Pasquale Scotti
– Emergenza carceri, Antigone: «In Italia sovraffollamento al 120%, il dato più alto nell’area dell’Unione Europea»

venerdì, 26 Luglio 2019 - 16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA