Sicilia, sbloccata la ‘Ragusana’: ora al via ai cantieri dell’autostrada grazie ad Anas

Il ministro delle Infrastrutture Toninelli

Quando arrivi in Sicilia è come tornare indietro nel tempo. Qui il sistema delle infrastrutture, dei collegamenti, non si è mai sviluppato. La rete autostradale non copre l’intera isola. E ad essere penalizzate non sono solo le città dell’entroterra. Ad essere penalizzate sono anche alcune città della costa, quelle più rinomate.

Ebbene, oggi arriva una notizia che, se realizzata, punta a svecchiare il sistema di collegamento siciliano e a dare risposta ad un’attesa che dura da 30 anni: la ‘Ragusana’, ossia l’autostrada che collega Catania a Ragusa si farà. Grazie all’accordo raggiunto tra il concessionario uscente, Sarc, e Anas, i cantieri dovrebbero riaprire. L’intesa sottoscritta prevede che Anas subentri al concessionario uscente, ne acquisti il progetto, con una valutazione effettuata da un collegio indipendente di tecnici, e diventi così il “soggetto attuatore” per l’intervento. Cambia anche il modello di concessione: quello adottato in precedenza avrebbe portato al pagamento di un pedaggio, stimato in circa 15 euro per la tratta. Il nuovo schema di concessione, oltre a garantire una velocizzazione del cantiere, porterà all’azzeramento dei pedaggi per tutti i cittadini.

La notizia è stata accompagnata da numerosi comunicati di soddisfazione da parte di esponenti del Movimento Cinque Stelle. Per tutti riportiamo le parole del leader dei grillini, Luigi Di Maio: «Danilo Toninelli ha ottenuto un risultato storico: l’autostrada Ragusa-Catania si farà, dopo che i siciliani l’hanno attesa per 30 anni. E non solo si farà, ma sarà anche gratuita per i cittadini che la utilizzeranno. Un’autostrada così attesa, in Sicilia, significa aiutare i cittadini, il turismo, le imprese di quel territorio. I governi a guida centrodestra o centrosinistra non avevano saputo sbloccarla e si rischiava che le persone dovessero pagare fino a 15 euro ogni volta che la utilizzavano. Adesso l’autostrada senza pedaggi sarà realtà. Grazie al lavoro di Danilo – continua il capo politico pentastellato – grazie soprattutto perché ottenere risultati in un clima di attacchi continui è molto più difficile. Ma chi è del Movimento cinque stelle ha cuore e volontà».

Leggi anche:
– 
Carabiniere ucciso a Roma, il grande cuore di Mario Rega: «Faceva volontariato, agli ultimi donava i suoi vestiti»
– Corruzione, il Riesame lascia in carcere il giudice napoletano Capuano e il consigliere municipale Di Dio
– Opere d’arte rubate e rivendute in Francia, 5 agli arresti domiciliari | Video
– Tentò di colpire un pm della Dda di Napoli con una stampella: il boss Belforte sotto accusa
– Caserta, l’«ospedale dei misteri»: il filo rosso che unisce l’inchiesta sulle tangenti alla latitanza del boss Pasquale Scotti
– Emergenza carceri, Antigone: «In Italia sovraffollamento al 120%, il dato più alto nell’area dell’Unione Europea»

venerdì, 26 luglio 2019 - 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA