Cassazione, Tar Lazio: respinto il ricorso di Davigo. La nomina di Carcano a presidente aggiunto della Suprema Corte è legittima

L'ex pm di Mani Pulite Piercamillo Davigo

Nessuna illegittimità nella nomina di Domenico Carcano a presidente aggiunto della Corte di Cassazione. L’ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha respinto un ricorso proposto dal componente togato del Csm, Piercamillo Davigo. Il magistrato si era rivolto ai giudici amministrativi per chiedere l’annullamento della proposta di conferimento in favore di Carcano dell’Ufficio direttivo superiore giudicante di legittimità di Presidente Aggiunto della Corte di Cassazione da parte della quinta commissione del Csm, della successiva delibera, nonché del decreto del Presidente della Repubblica del 28 febbraio 2018 di nomina dello stesso Carcano a Presidente aggiunto della Cassazione.

Il Tar, dopo aver illustrato in sentenza la normativa in tema di affidamento degli incarichi, ha motivato punto per punto rispetto ai motivi d’impugnazione. Alla fine, per i giudici amministrativi la valutazione fatta sui due candidati «appare frutto di un giudizio complessivo e unitario supportato da una motivazione ponderata, che resiste alle censure formulate dal ricorrente, le quali, considerata la già ricordata amplissima discrezionalità di cui gode il Csm nel conferimento degli incarichi direttivi, attengono in sostanza al merito insindacabile della decisione».

Quella espressa dall’organo di autogoverno dei giudici, per il Tar «appare, dunque, una valutazione direttamente attuativa del principio secondo cui la finalità di comparazione degli aspiranti va effettuata tenendo conto della specificità e delle esigenze dell’ufficio da ricoprire, strettamente conseguente ai canoni di efficienza e buon funzionamento degli uffici giudiziari, la cui completezza e intrinseca congruità argomentativa escludono, anche alla luce della ricordata amplissima discrezionalità di cui il Consiglio Superiore della Magistratura gode nel conferimento degli incarichi direttivi, la ricorrenza dei vizi di illegittimità lamentati dal ricorrente, risultando, per contro, inammissibili le censure attinenti al merito della scelta».

Leggi anche:
–Carabiniere ucciso, fermati due studenti americani. I funerali celebrati lunedì a Somma Vesuviana: presente Luigi Di Maio
–«No ai navigator? Dispiaciuto, ma sto con De Luca. La politica non insegue consensi, cerca soluzioni»
–Ucciso per una lite fuori la discoteca, arrestati 2 uomini vicini ai Lo Russo
– Nave della Guardia Costiera bloccata con 141 migranti a bordo, Salvini: «Niente sbarco se non redistribuiti»
– Carabiniere ucciso a Roma, il grande cuore di Mario Rega: «Faceva volontariato, agli ultimi donava i suoi vestiti»
– Corruzione, il Riesame lascia in carcere il giudice napoletano Capuano e il consigliere municipale Di Dio
– Opere d’arte rubate e rivendute in Francia, 5 agli arresti domiciliari | Video
– Tentò di colpire un pm della Dda di Napoli con una stampella: il boss Belforte sotto accusa
– Caserta, l’«ospedale dei misteri»: il filo rosso che unisce l’inchiesta sulle tangenti alla latitanza del boss Pasquale Scotti

sabato, 27 Luglio 2019 - 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA