Carabiniere ucciso a Roma, al momento dell’operazione Rega non aveva la pistola: l’arma chiusa nell’armadietto


Una conferenza stampa per provare a riannodare i fili di una storia che presenta molti punti chiari. Ma, più che fare chiarezza, il momento di incontro voluto dalla procura della Repubblica di Roma sull’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega offre nuovi interrogativi. La mattina della sua morte, la mattina dell’intervento nel quartiere Prati, il vicebrigadiere di Somma Vesuviana non era armato. Aveva con sé solo le manette. E per questa ragione non ha avuto alcuna possibilità di provare a difendersi, se non a mani nude, dalla brutale aggressione di chi gli ha sferrato ben 11 coltellate togliendogli la vita. «La pistola del vice brigadiere Mario Cerciello Rega l’abbiamo trovata nel suo armadietto in caserma, con sé aveva solo le manette. Il motivo non lo conosciamo», ha spiegato il comandante provinciale dei carabinieri di Roma Francesco Gargaro.

La pistola, invece, ce l’aveva il collega di Rega, Andrea Varriale, che non è ancora tornato in servizio. «È provato. Non auguro a nessuno di vedere un collega morire. Attualmente sta ultimando i sei giorni di malattia dati dal referto. Tornerà in servizio. Ha riportato alcune contusioni e graffi al collo», ha aggiunto Gargano.

Il comandante provinciale dei carabinieri ha poi provato a spiegare il perché Rega e Varriale abbiano agito da soli: «Nei paraggi c’erano 4 pattuglie, ma non visibili per non far saltare l’operazione. Dopo l’allarme del carabiniere Varriale sono intervenute immediatamente». Né, quelle pattuglie, sarebbero potute intervenire prima perché «non potevano udire le urla di Cerciello Rega che sono state sentite soltanto dal Varriale», ha precisato Gargaro. (seguono altri aggiornamenti)

Leggi anche:
– 
Rapina con colpi di pistola nel Casertano, arrestati due napoletani: accusati dalla procura di essere i basisti del colpo
– Nuoro, doppio attentato ai danni del Pd: esplosione nella sede dei dem a Dorgali, incendiata l’auto del sindaco a Cardedu
– Bimbo morto in piscina a Pozzuoli, quattro indagati per concorso in omicidio colposo
– Carabiniere ucciso, Di Maio: «Quella foto dell’indagato non è bella, ma basta caciara. Spero che arrivi un ergastolo»
L’ultimo saluto al carabiniere Mario Rega: «Ha servito persino la vita dei criminali, ha lottato per un mondo migliore»
– Corruzione, il giudice Capuano resta in cella: il Riesame sfoltisce le accuse, niente ingerenze in un concorso per magistrati

martedì, 30 Luglio 2019 - 13:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA