Savona, 12enne colpito in testa da un bidone lanciato dalla strada: confessa il 17enne autore del folle gesto

Spiaggia Bergeggi Savona

All’inizio ha cercato di negare. Poi, quando si è reso conto che i carabinieri avevano raccolto elementi sufficienti per ‘incastrarlo’, ha deciso di confessare. «Non immaginavo che ci fossero delle persone in spiaggia»: il 17enne che ha lanciato un bidone della spazzatura dalla strada sulla spiaggia di Bergeggi, in provincia di Savona, colpendo al volto un ragazzino francese di 12 anni che dormiva in tenda, ha provato a giustificare così il folle gesto che ha fatto finire in ospedale il giovanissimo turista.

Sul movente del gesto, il tenente colonnello Alessandro Ciuffolini, comandante del Reparto Operativo Carabinieri di Savona, ha chiarito che si è trattato di una «gravissima bravata».

«Il bidone, prima di colpire il 12enne, ha rimbalzato a terra – ha spiegato ancora Ciuffolini – e questo ha per così dire ammortizzato il colpo. Tra l’altro la sorella del 12enne si era appena spostata perché stava scomoda altrimenti il bidone avrebbe colpito lei in pieno, probabilmente uccidendola. Mentre il fratello è stato colpito di rimbalzo».

Leggi anche:
– Savona, 12enne ferito dal lancio di un cassonetto: fermato un sospettato
– Pianura, ucciso perché chiedeva il pizzo senza il placet del clan: a processo sei uomini dei Pesce-Marfella
– Navigator ‘fantasmi’ in corteo a Palazzo Santa Lucia per chiedere un incontro:
«Posizione del Governatore illegittima»
Ischia, 16enne investito da un’auto e ucciso: la conducente della vettura accusata di omicidio stradale
Soldi, ricatti e foto con simboli satanici. La denuncia di una mamma: «Mia figlia vittima di una setta satanica». Gli strani bonifici da oltre 300mila euro

martedì, 6 Agosto 2019 - 13:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA