Governo, Matteo Salvini stacca la spina: «Voto subito, non c’è più maggioranza» Sullo sfondo il ‘nodo’ della manovra

Matteo Salvini
L'ex ministro degli Interni Matteo Salvini (foto Kontrolab)

Matteo Salvini, alla fine, ha deciso di staccare la spina: «Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori». Parole nette, quelle del leader della Lega, che chiudono una giornata convulsa fatta di vertici, riunioni, confronti. «Le vacanze non possono essere una scusa per perdere tempo e i parlamentari (a meno che non vogliano a tutti i costi salvare la poltrona) possono tornare a lavorare la settimana prossima, come fanno milioni di Italiani», ha dichiarato Salvini giusto in tempo per fare sì che i Tg delle 20 rilanciassero la notizia.

Luigi Di Maio, incassa, ma prova a lanciare l’ultimo appello alle forze politiche: «Votiamo il taglio di 345 poltrone e poi urne». A settembre, infatti, era prevista la discussione in Senato per il taglio dei parlamentari, uno dei cavalli di battaglia dei grillini. Ma a questo punto il destino di questa legge è più incerto che mai.

Adesso spetta al premier Giuseppe Conte gestire le prossime mosse di questa complessa partita a scacchi, che si apre pochi giorni dopo la chiusura di Camera e Senato per la pausa estiva. Conte sembra intenzionato a seguire la strada tracciata dalla Lega, ossia quella di portare la crisi in Parlamento per contare i numeri.

Il primo segnale della parlamentarizzazione della crisi sarà la convocazione di una conferenza dei capigruppo. Solo una volta avere incassato la sfiducia in Aula, Conte salirà al Quirinale per rimettere il mandato. A questo punto sarà Sergio Mattarella a dovere gestire la crisi e scegliere la strada da seguire, tenendo ben presente che un appuntamento cruciale per il Parlamento è quello della manovra (che va presentata entro il 15 ottobre a Bruxelles) e della messa in sicurezza dei conti pubblici.

Leggi anche:
Governo, Di Maio non vuole la rottura: «A settembre voto sul taglio dei parlamentari». Ma dalla Lega insistono: «Andare al voto»
Migranti, la Open Arms da 7 giorni in mare. Nessuno vuole i migranti, la Ong accusa: «E’ rimasto qualcuno a difendere la vita?»
– Carabiniere ucciso a Roma, l’analisi delle tracce ematiche e di impronte nella stanza d’albergo dei due americani
– Tav, respinta in Senato la mozione dei grillini contro l’opera: Di Maio via dall’Aula senza dire una parola
– Scuole guida, il business dei ricavi in nero: sequestro da 4 milioni ai danni di attività ubicate a Napoli e a Capri
– Usa lo scudo fiscale per regolarizzare il ‘tesoro’ accumulato in nero ma dichiara solo una parte: sequestrati 6 milioni
– Lo scontro nel Governo sulla Tav: votazioni in Senato sulle mozioni, c’è quella contraria all’opera presentata dai grillini

giovedì, 8 agosto 2019 - 21:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA