Governo, resa dei conti il 20 agosto: sale di livello lo scontro Conte-Salvini, il leghista spara a zero su Trenta e Pd

Il premier Giuseppe Conte

“Salvini è sleale”, accusa – sempre con garbo – il premier Conte. “Se come ministro dell’Interno si preferisce qualcuno del Pd basta dirlo”, replica il leader della Lega. Con l’avvicinarsi del 20 agosto, giorno in cui Conte sarà in Senato per la sua ‘operazione verità’ sulla crisi di Governo e il Carroccio motiverà la sua mozione di sfiducia al presidente del Consiglio dei ministri, lo scontro tra Salvini e Conte sale di livello. Ed è uno scontro che, per volere di Salvini, si sta giocando sui social e sui giornali. Ché, se fosse dipeso da Conte, le comunicazioni istituzionali intercorse con il titolare dell’Interno sarebbero rimaste private. Invece Salvini sta giocando la sua partita a colpi di post e dichiarazioni alla stampa. E la partita di questi ultimi giorni si sta consumando sul tema dell’immigrazione e degli sbarchi.

I grillini e il premier Conte hanno scaricato Matteo Salvini, isolandolo di fatto nella sua ostinata politica di vietare lo sbarco della Open Arms anche in presenza della decisione del Tar del Lazio che ha dato il via libera all’ingresso della Ong nelle acque territoriali italiane a scopo medico. Salvini, che già si deve guardare dall’accordo Pd-Cinque Stelle finalizzato a tenere in piedi il Governo e a rimandare il più possibile il ritorno alle urne (che in questo momento conviene solo a Matteo Salvini), prova adesso ad accusare i grillini di scarsa coerenza, evidenziando come sino a pochi giorni fa essi abbiano appoggiato in toto la linea dura contro l’immigrazione e come adesso, che le carte sul tavolo siano state sparigliate, accusino Salvini di essere ‘disumano’ e approvino invece lo sbarco della Open Arms (il ministro della Difesa Trenta, infatti, non ha firmato il divieto di sbarco proposto con decreto dal ministero dell’Interno). “Se il ministro Trenta mi ritiene disumano, come mai ha firmato tutti i miei atti fino all’altro ieri? – ha detto Salvini – O si  trasformata in madre Teresa di Calcutta oggi o non ha capito nulla di quello che ha firmato fino ad oggi. Io non mi ritenevo e non mi ritengo inumano”.

Ma il vero cruccio di Salvini resta l’atteggiamento del premier Giuseppe Conte, che in questa delicata fase politica si è posto come il vero oppositore di Matteo Salvini. Con un elegante ma pungente post su Facebook, Conte ha scritto a Salvini per replicare ad alcuni pensiero che il ministro ha espresso nei giorni scorsi sul ‘sì’ allo sbarco arrivato proprio da Conte. “Ti scrivo questa lettera aperta perché il caso della nave Open Arms domina ormai le prime pagine dei giornali e perché sono costretto a constatare che anche la corrispondenza d’ufficio tra la Presidenza del Consiglio e il Viminale viene poi riportata sui giornali e allora tanto vale renderla pubblica all’origine, per migliore trasparenza anche nei confronti dei cittadini”, sottolinea Conte, marcando la differenza di stile e rispetto istituzionale tra lui e Salvini “Ti ho scritto ieri l’altro una comunicazione formale, con la quale, dopo avere richiamato vari riferimenti normativi e la giurisprudenza in materia, ti ho invitato, letteralmente, ‘nel rispetto della normativa in vigore, ad adottare con urgenza i necessari provvedimenti per assicurare assistenza e tutela ai minori presenti nell’imbarcazione’. Con mia enorme sorpresa, ieri hai riassunto questa mia posizione attribuendomi, genericamente, la volontà di far sbarcare i migranti a bordo. Comprendo la tua fedele e ossessiva concentrazione nell’affrontare il tema dell’immigrazione riducendolo alla formula “porti chiusi”. Sei un leader politico e sei legittimamente proteso a incrementare costantemente i tuoi consensi. Ma parlare come Ministro dell’Interno e alterare una chiara posizione del tuo Presidente del Consiglio, scritta nero su bianco, è questione diversa. È un chiaro esempio di sleale collaborazione, l’ennesima a dire il vero, che non posso accettare”. Ecco, Conte accusa nuovamente Salvini di “sleale collaborazione”, due parole che sono un chiaro antipasto del discorso del premier che si terrà il 20 agosto.

Conte venderà cara la pelle, e Salvini adesso è realmente preoccupato di non riuscire più a capitalizzare il consenso indicato nei sondaggi. “Cercherò di impedire in ogni maniera possibile, per rispetto degli italiani, governi nati a tavolino per perdere tempo e salvare la poltrona, irrispettosi del voto degli italiani”, ha detto ieri il ministro dell’Interno a Castelvolturno. “Portare al governo chi ha perso le elezioni, non so agli occhi dell’Italia e del mondo che senso potrebbe avere”, ha aggiunto, alludendo al Pd. E sulla lettera aperta di Conte, ha osservato: “Sfogo umorale”. Quindi, forse nel tentativo di tenere una porta aperta, ha lanciato un messaggio ai grillini: “Il mio telefono è sempre accesso….”. Ma stavolta, c’è chi giura, che Luigi Di Maio non farà una sola telefonata a Matteo Salvini.

Leggi anche:
– 
Migranti, il Tar del dà il via libera a Open Arms: entri in Italia, la Ong verso Lampedusa. Scontro Salvini-Conte
– Donna vittima di violenze sessuali ed estorsioni per 10 anni nel Cosentino
– Il boato, poi l’inferno di lamiere e cemento L’Apocalisse di Genova un anno dopo
– Napoli, al rione Traiano scoperte le armi della camorra: pistole e proiettili trovati in un terreno | Video
– Lutto nel mondo dello spettacolo, è morta Nadia Toffa. L’addio delle Iene: niente sarà come prima
– Tir travolge un’auto: studente 29enne perde la vita nel Casertano
– Esodo da bollino nero, 5 morti e 3 feriti: deceduto anche un bimbo di appena 3 anni
– Carabiniere ucciso, identificato e indagato il militare che scattò la foto al californiano bendato in un ufficio dell’Arma
– Giustizia, 9 candidati per il posto di procuratore generale della Cassazione: c’è anche il pg di Napoli Luigi Riello

venerdì, 16 agosto 2019 - 10:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA