Carabiniere ucciso, i militari del Ris esaminano gli abiti di Cerciello e Varriale


Saranno disponibili tra circa due mesi i risultati delle analisi dei carabinieri del Ris di Roma sugli indumenti che avevano il vicebrigadiere dei carabinieri, Mario Cerciello Rega e il suo collega, Andrea Varriale, la sera del 26 luglio in via Federico Cesi, nel quartiere romano di Prati.

Obbiettivo di investigatori e inquirenti, fra l’altro, è verificare, attraverso l’analisi dei vestiti, le modalità e le caratteristiche dei tagli dovuti alle 11 coltellate inferte a Cerciello, morto quasi subito, dal 19enne americano Finnegan Lee Elder che quella notte si trovava con l’amico e connazionale, Gabriel Natale Hjorth. Per conoscere i risultati definitivi degli esami, svolti alla presenza anche dei difensori dei due giovani americani, bisognerà attendere 45/60 giorni.

Leggi anche:
– 
Migranti, l’appello della Mare Jonio: «Manca l’acqua a bordo, fateci sbarcare». Donne e bambini sono stati fatti scendere
– Capalbio, bimbi giù dalla finestra: stavano giocando, hanno 5 e 11 anni
– Napoletani scomparsi in Messico, ora in campo anche la Federazione Interamericana Avvocati
Napoli, paziente finisce in coma: due inchieste sull’ospedale del Mare. La figlia: è allergica, le hanno dato un antibiotico
– Matera, due operai morti nel pozzo di una discarica: uccisi dalle esalazioni di gas
– Migranti, la Mare Jonio in balia delle onde: ora per Pd e Cinque Stelle scoppia la ‘grana’ della legge ‘sicurezza bis’
– Campania, appello dei navigator ‘fantasma’ a Conte: «Presidente, metta fine a questa violenza istituzionale»

venerdì, 30 Agosto 2019 - 16:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA