Governo, Di Maio bacchettato anche da Grillo: gioca la carta del voto su Rousseau per provare a blindare la leadership

luigi di maio

Il Pd, con una mossa a sorpresa, si dice disponibile a cancellare la figura dei vicepremier per superare così l’ostacolo della nomina del numero due di Conte che Di Maio rivendicava per sé e i ‘dem’ chiedevano, in un gioco di equilibrio tra le parti, che venisse assegnato a loro. Giuseppe Conte, dal canto suo, si mostra ottimista, anche se in realtà lo scenario è tutt’altro che limpido. Ma il leader del Movimento Cinque Stelle, in questo estenuante tira e molla di trattativa, decide di rimettere il destino del governo giallo-rosso nelle mani della piattaforma Rousseau, lanciando la votazione che si terrà domani, martedì 3 settembre, dalle 9 alle 18. Un modo, dicono all’interno del Movimento, per ribadire il suo ruolo di capo politico dei grillini che in questi giorni è stato messo in discussione dallo stesso Beppe Grillo, fondatore dei pentastellati, più prolifico che mai sul suo blog.

Già, perché mentre tutti i riflettori sono concentrati sul tira e molla tra Cinque Stelle e Pd, all’interno del Movimento si sta consumando una guerra sotterranea che vede Luigi Di Maio come bersaglio. L’ultimo intervento di Grillo è più eloquente che mai: «Questa pena che vedo, questa mancanza di ironia, dovete sedervi a un tavolo e essere euforici perché appartenente a questo momento straordinario di cambiamento. Abbiamo da progettare il mondo, invece ci abbrutiamo. E le scalette e il posto lo dò a chi, e i dieci punti, i venti punti… basta», ha dichiarato Grillo. E il messaggio era chiaramente rivolto a Luigi Di Maio che nel corso di questa trattativa dapprima aveva indicato 10 punti di programma pentastellato, salvo poi raddoppiare nel corso dell’ultimo discorso che ha riacceso la tensione con il Pd.

Ma questa è solo l’ultima ‘strigliata’ che Grillo ha riservato a Di Maio. La spaccatura tra il fondatore del Movimento e il capo politico si coglie già all’indomani dell’apertura della crisi di governo. Quando Salvini stacca la spina, Luigi Di Maio con un post verità su Facebook respinge con determinazioni le prime notizie di un accordo tra grillini e dem, parlando addirittura di «bufala»: «Oggi non è cambiato nulla e, come al solito, da ieri qualche quotidiano (non tutti, per fortuna) in malafede dà respiro alla nuova bufala del dialogo con il Pd. Del resto basta andare a ritroso di 24-48 ore per capire chi la sta diffondendo. Ad ogni modo, noi siamo stati chiari. Il M5S non ha paura delle elezioni, anzi. Anzi, in questo momento siamo ancora più uniti, con Alessandro, Davide, Max Bugani, Paola Taverna, Nicola Morra, i capigruppo, i nostri ministri e tutti coloro che per il MoVimento hanno dato l’anima. Andiamo a votare subito». Tre ore dopo però Beppe Grillo, dal suo blog, cambia direzione: «Dobbiamo fare dei cambiamenti? Facciamoli subito, altro he elezioni». Poche parole che impongono a Di Maio di cambiare, suo malgrado, strada e di avviare un dialogo con il Pd, il quale – grazie anche all’inatteso cambio di passo di Matteo Renzi – si mostra disponibile al dialogo.

L’altro scontro si consuma sul nome di Giuseppe Conte come premier del governo possibile. Quando il Governo si dimette, circolano le voci che Conte potrebbe essere ‘tagliato’ dalla nuova formazione. Ancora una volta è Grillo, sul suo blog, a dare centralità a Conte, obbligando Di Maio a battersi con Zingaretti in tal senso: «Sembra che nessuno voglia perdonare a Conte la sua levatura ed il fatto che ci abbia restituito una parte della dignità persa di fronte al mondo intero. Se dimostreremo la capacità di perdonare le sue virtù sarà un passo in avanti per il paese, qualsiasi cosa che preveda di scambiare lui, come facesse parte di un mazzo di figurine del circo mediatico-politico, sarebbe una disgrazia. Ora ha pure un valore aggiunto… l’esperienza di avere governato questo strano paese… benvenuto tra gli Elevati». Quindi l’ultimo intervento, stavolta in video, nel corso del quale Grillo boccia l’imposizione dei ‘venti punti’ di Di Maio.

Leggi anche:
– 
Napoli, la Whirlpool boccia il decreto legge sulle crisi aziendali: «I 16 milioni previsti non sono sufficienti, riconvertiamo il sito»
– Napoli, via al concorso della Regione Campania: la carica dei 304mila candidati per oltre 2mila posti di lavoro
– Torre Annunziata, boato nella notte: esplosione in via Sambuco, 15enne ferito
– Migranti, la nave Eleonore forza il blocco e si dirige verso Pozzallo. Il capitano: «C’è pericolo per la vita delle persone»
Qualiano, blitz anti-assentismo al Comune: denunciati 17 dipendenti
– Governo: vertice Conte, Di Maio e Zingaretti poi la sintesi del programma
– Bracciante in ‘nero’ muore in una serra per il caldo torrido, titolare denunciato
– Piano lavoro della Regione Campania, lunedì le prime prove preselettive
– Incidente stradale sull’A1, un morto e 5 feriti: perde la vita un 54enne di Maddaloni
Donna trovata morta in casa, ipotesi omicidio-suicidio non riuscito a Roma Forze dell’ordine cercano il compagno

lunedì, 2 settembre 2019 - 13:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA