Giustizia, l’idea di riforma Pd-5Stelle: confermato un intervento sull’elezione del Csm, pene più alte per i grandi evasori

Tribunale

Una bozza di programma in 26 punti, che vanno dalla neutralizzazione dell’aumento dell’Iva, al tema dell’immigrazione, dal taglio delle tasse alla riduzione del numero dei parlamentari, dalla riduzione dei tempi della giustizia civile, penale e tributaria al completamento del processo dell’autonomia differenziata. Sul blog delle Stelle è stato pubblicato il report sulle linee programmatiche sulle quali il premier incaricato Giuseppe è al lavoro. Dal Pd precisano che tuttavia si tratta di un testo parziale. Ma tant’è.

Al centro di questo nuovo ‘contratto’ oltre al taglio dei parlamentari, che i grillini chiedono con forza, c’è spazio anche per la riforma della Giustizia, che i Cinque Stelle non vogliono accantonare. «Occorre ridurre drasticamente i tempi della giustizia civile, penale e tributaria, e riformare il metodo di elezione dei membri del Consiglio superiore della magistratura», si legge. Tra gli interventi che si intende portare avanti anche quello dell’inasprimento delle pene per i grandi evasori fiscali. «Occorre potenziare l’azione di contrasto delle mafie e combattere l’evasione fiscale, anche prevedendo l’inasprimento delle pene per i grandi evasori e rendendo quanto più possibile trasparenti le transazioni commerciali».

Un passaggio è dedicato anche all’immigrazione. Nel suo ultimo discorso il leader grillino Luigi Di Maio ha blindato il decreto sicurezza bis (che il Pd invece vorrebbe abolito) ma anche specificato che occorre altro lavoro sul punto. E, dunque, nella bozza di programma compare questo punto: «E’ indispensabile promuovere una forte risposta europea al problema della gestione dei flussi migratori, anche attraverso la definizione di una normativa che persegua la lotta al traffico illegale di persone e all’immigrazione clandestina, ma che – nello stesso tempo – affronti i temi dell’integrazione».

Leggi anche:
– 
Trovato carbonizzato in Brasile, indagini sulla morte del 41enne di Bolzano Luca Romania
– Il destino del Governo appeso a Rousseau, aperte le votazioni: l’appello di Conte per il sì, in 2 ore hanno votato in 30mila
– Uragano sulle Bahamas, primo bilancio: 5 morti e 20 feriti, centinaia gli scomparsi. Il premier: «Tragedia storica»
– Maxi evasione su auto di lusso: 35 milioni di euro, 1300 truffati in tutta Italia
– Medicina, via ai test d’ingresso: la carica dei 60mila; presìdi e flash mob in diverse città contro il numero chiuso
– Giallo sulla scomparsa di Elisa Pomarelli, il Ris in casa di Sebastiani: analisi su tracce di bruciature e combustione
– Governo, Di Maio bacchettato anche da Grillo: gioca la carta del voto su Rousseau per provare a blindare la leadership
– Gioca con una fascetta e si soffoca, grave una ragazzina di 11 anni
– Napoli, la Whirlpool boccia il decreto legge sulle crisi aziendali: «I 16 milioni previsti non sono sufficienti, riconvertiamo il sito»

martedì, 3 settembre 2019 - 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA