Jabil, nulla di fatto tra azienda e sindacati: convocata l’assemblea dei lavoratori

jabil

Si è conclusa con un nulla di fatto la due giorni di incontri, ieri e oggi, in Confindustria Caserta tra la direzione aziendale Jabil e le sigle sindacali in merito al licenziamento di 350 operai. A comunicarlo, la Fiom Cgil. «La ripresa del confronto sospeso ieri in tarda serata – scrivono – non ha prodotto un auspicato accordo fra le parti. Le organizzazioni sindacali hanno ribadito al fine di scongiurare il drammatico impatto sociale il ritiro della procedura dei licenziamenti e l’utilizzo di ulteriori sei mesi di cigs che devono essere autorizzati dal Ministero del Lavoro e prevedere nel frattempo un esodo volontario ed incentivato insieme ad un processo di reindustrializzazione qualificante per i lavoratori da affrontare in un specifico incontro al MiSe».

«L’azienda – continuano il sindacato – invece sostiene che gli esuberi denunciati nell’avvio della procedura di licenziamento collettivo, fermo restando la concessione della proroga in deroga della cigs da parte del Ministero al Lavoro, possono trovare una concreta possibilità di gestione solo attraverso un programma di reimpiego forzato o ad un esodo volontario». Il sindacato ha respinto l’impostazione aziendale e indetto un’assemblea per mercoledì 11 settembre alle 14.30 in cui si deciderà insieme ai lavoratori le iniziative da intraprendere.

Leggi anche:
– Campania, navigator ‘fantasma’ in piazza: catena umana sotto la Regione per chiedere lo sblocco dell’assunzione
– Assenteismo, indagati 30 dipendenti pubblici della “Casa di cura di Scilla”: risultavano a lavoro ma facevano shopping
– L’uragano Dorian e le Bahamas devastate: 5mila dispersi e 20 morti, città cancellate
– Rincari per avere la patente di guida, arriva l’Iva al 22%: i costi sfioreranno i 1000 euro. Protesta la federazione Confarca
– Bomba nella notte a Pollena Trocchia, rilasciati due fermati: in stato di arresto solo un 36enne, verifiche sulle telecamere
– Governo, ecco la squadra dei ministri: riconfermati Bonafede e Costa, boom di new entry e LeU si assicura la Sanità

venerdì, 6 Settembre 2019 - 19:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA