Regionali, la ‘guerra’ tra i De Luca sull’alleanza coi grillini. Piero sconfessa il padre e apre a un accordo

Vincenzo De Luca, Governatore della Regione Campania
di Roberta Miele

Quello che segue è un articolo di approfondimento pubblicato sul numero di ieri, domenica 8 settembre, del quotidiano digitale disponibile, a pagamento, a partire dall’una di notte. Questo articolo fa parte dei numerosi approfondimenti che Giustizia News24 realizza sul quotidiano digitale, disponibile su abbonamento, e che integra l’informazione gratuita offerta sul sito. I contenuti del quotidiano digitale sono raramente disponibili sul sito che è consultabile gratuitamente. 

_______________

Più si avvicinano le elezioni regionali in Campania, più il quadro politico nazionale cambia e, più o meno sommessamente, le parti che si apprestano a giocare si preparano.
A disorientare sono le dichiarazioni di Piero De Luca, figlio del Vincenzo governatore campano e parlamentare Pd. De Luca junior, tra i papabili sottosegretari del Governo Conte bis, a margine di un convegno sullo sviluppo sostenibile tenutosi qualche giorno fa a Salerno, ha aperto a qualunque ipotesi di confronto. Se ci sono le condizioni per una sintesi programmatica, «noi siamo pronti e disponibili a ragionare con tutte le forze politiche ed eventualmente anche con il Movimento 5 Stelle»: parole chiare, quelle di Piero De Luca, che se a livello nazionale sono ormai state sdoganate dalla nuova alleanza giallorossa, in ambito regionale sembrano ancora fantapolitica.

I giochi, però, ancora non sono stati fatti: «L’accordo di governo reggerà anche alle regionali? Verifichiamo», ha continuato De Luca jr. D’altronde «in questa fase abbiamo provato a discutere con senso di responsabilità con una forza politica verso la quale avevamo e abbiamo avuto, negli ultimi anni, delle distanze enormi, nell’interesse del Paese, dei cittadini, delle imprese e delle famiglie». Dunque il tentativo del segretario dem Nicola Zingaretti di aprire ai grillini anche alle varie elezioni regionali che dovranno essere affrontate tra l’ultima parte del 2019 e il 2020 non è stato accantonato, anzi è ancora in corso.

Non sono bastate le porte in faccia chiuse dai pentastellati che lungo tutto lo Stivale hanno negato qualunque apertura ai democrat. La situazione attuale non permette che l’ipotesi venga accantonata, soprattutto in rapporto alle teste che rischiano di cadere a Roma con le prossime politiche, ma prima ancora con i riassetti interni inaugurati dalle nuove nomine a ministri. Primo su tutti Luigi Di Maio, che da vicepremier e ministro del Ministro dello Sviluppo economico è passato agli Esteri. Non si può escludere che al termine della legislatura la sua leadership venga messa in discussione. E caduto lui, rischia molto la sua fedelissima Valeria Ciarambino, capogruppo grillina al Consiglio regionale campano che ha scongiurato ogni alleanza con il «nemico della Campania: Vincenzo De Luca».

E chissà che ne pensa proprio il presidente la cui volontà di fare squadra con il Movimento, nonostante le dichiarazioni dei colleghi di partito e, soprattutto, del figlio, sembra fantascienza. Eppure De Luca ha da perdere così come Ciarambino: l’accordo romano non gli è per nulla favorevole. E chissà che la querelle sui 471 navigator non sia un pretesto per mantenere alta la tensione tra avversari, in contrapposizione al matrimonio nazionale. O, ancora, i vincitori della selezione Anpal potrebbero essere il capro espiatorio di una battaglia che poco ha a che fare con le politiche del lavoro.
E se un accordo potrebbe non essere così lontano, perché non favorire una convergenza che metta, almeno apparentemente, una pietra tombale sul passato fatto di scontri feroci, sfottò e pure un dito medio, utilizzando il ‘modello nazionale’ con un premier superpartes. Ed è così che riecheggia il nome di Raffaele Cantone, ormai non più presidente Anac.

Convinto di una futura alleanza con tra le due forze avversarie è Gimmi Cangiano, coordinatore regionale della Campania di Fratelli d’Italia. La capogruppo grillina sa, spiega l’esponente FdI, di dover andare «a braccetto con Vincenzo De Luca». «Non ci metteranno molto i cinque stelle a cambiare atteggiamento» anche a livello locale. «Siamo sicuri che in Campania i rapporti seguiranno la stessa imbarazzante evoluzione e che presto vedremo Ciarambino e De Luca a braccetto per i corridoi del Consiglio», conclude Cangiano.

In questa fase preparatoria, fatta di studio e di strategie, si inserisce la figura di Luigi De Magistris, che terminerà il secondo mandato a sindaco di Napoli nel 2021. Il primo cittadino crede in un «laboratorio significativo con una bella coalizione ampia che tenga ai margini gli estremismi» individuati nel «calvinismo imperante di destra» e nella persona del governatore. Una possibilità che, come racconta sognante De Magistris, era già stata ventilata prima della formazione del governo gialloverde, quando ebbe diversi colloqui con alcuni esponenti cinquestelle tra cui Vincenzo Spadafora e Roberto Fico.

Leggi anche:
– Navigator campani, domani scade l’ultimatum del difensore civico a De Luca «Non firmare è un atto grave»
– Carabiniere ucciso, operazione senza auto di supporto: la verità nelle conversazioni tra Varriale e la centrale operativa
– Csm, i magistrati in crisi di credibilità copiano i grillini: diretta streaming per i candidati alle elezioni suppletive
– Castellammare di Stabia, blitz contro il clan D’Alessandro: 12 indagati | Video
– Incidente stradale nel Casertano, bimbo di 8 anni muore dopo essere stato investito da un’automobile

lunedì, 9 settembre 2019 - 17:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA