‘Diete on-line’, 26 nutrizionisti sotto procedimento disciplinare in un mese D’Anna: «I pazienti vanno prima visitati»


L’Ordine nazionale dei Biologi dichiara guerra al fenomeno delle cosiddette “diete on-line”. Sono ventisei, in tutto, solo nell’ultimo mese, i “nutrizionisti” finiti nel mirino del Consiglio di Disciplina dell’ente di rappresentanza dei Biologi italiani, con l’accusa di aver elaborato piani alimentari (a pagamento) via internet, senza aver mai incontrato o visitato il paziente. Rischiano fino a dodici mesi di sospensione.

«E’ pericoloso oltre che gravemente scorretto, predisporre regimi dietetici omettendo di valutare i bisogni energetici e nutritivi del paziente», spiega il presidente dell’Onb Vincenzo D’Anna. «Per rilasciare correttamente una dieta – aggiunge D’Anna – è necessaria, infatti, l’applicazione di tutta una serie di strumenti e di metodiche che non possono assolutamente prescindere dall’esame fisico del singolo individuo».

«Come Ordine professionale – precisa ancora il presidente dei Biologi – non possiamo che essere intransigenti nei confronti di tutti quei colleghi biologi che, con il loro comportamento, non solo violano il codice deontologico ma espongono anche il paziente ad un serio rischio per la sua stessa salute».

Leggi anche:
– Roma, uccise e brucio l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio: ergastolo a Paduano, la sentenza del processo d’Appello bis inasprisce la pena
– Patenti di guida, mozione della Lega per bloccare la retroattività dell’Iva: «Senza interventi rincari alti per i nuovi utenti»
– Giustizia, Bonafede invia gli ispettori a Napoli: verifiche sul permesso premio al 18enne che uccise il vigilante Della Corte
– Accusato di avere usato la sua Tv per una campagna stampa contro l’avvocato Ciruzzi, l’ex editore Varriale a giudizio
– Si fingevano carabinieri per compiere rapine: 10 arresti a Napoli | Video
– Napoli, scivola a causa del percolato perso dal compattatore di una ditta di raccolta rifiuti: è morto il 26enne Giuseppe Menale
– Circumvesuviana, in ritardo anche gli annunci per comunicare i ritardi: all’Eav si è persa la cognizione del tempo
– Droga nel carcere femminile di Pozzuoli, la scoperta delle unità cinofile
– Navigator campani, domani scade l’ultimatum del difensore civico a De Luca «Non firmare è un atto grave»

mercoledì, 11 settembre 2019 - 16:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA