False multe per vendetta, a processo ex vigilessa nel Grossetano

Tribunale

Avrebbe emesso false multe per vendicarsi di alcune persone con le quali aveva litigato. Con quest’accusa una 41enne, ex vigilessa nel comune di Follonica (Grosseto), è stata rinviata a giudizio dal gup di Firenze. A processo anche un suo collega dell’epoca, un 40enne anche lui non più in servizio a Follonica, accusato di averla aiutata. La prima udienza del processo è fissata per il 30 ottobre prossimo.

In base all’accusa la vigilessa avrebbe emesso multe per infrazioni mai commesse, con relativa decurtazione dei punti patente, nei riguardi di almeno sette persone. Alcune delle contravvenzioni fasulle le avrebbe fatte prima di entrare in servizio a Follonica, quando era incaricata del servizio di vigilanza per conto della società Parchi Val di Cornia di Piombino (Livorno). Le indagini sono state coordinate dalla pm Ester Nocera della procura di Firenze, competente vista la natura distrettuale di alcuni dei reati constati: le accuse mosse all’ex vigilessa sono quelle di accesso abusivo a sistemi informatici, falso materiale e falso ideologico commesso da privato, falso materiale commesso da pubblico ufficiale e abuso d’ufficio.

Leggi anche:
– 
Patenti di guida, mozione della Lega per bloccare la retroattività dell’Iva: «Senza interventi rincari alti per i nuovi utenti»
– Giustizia, Bonafede invia gli ispettori a Napoli: verifiche sul permesso premio al 18enne che uccise il vigilante Della Cortepatent
– Accusato di avere usato la sua Tv per una campagna stampa contro l’avvocato Ciruzzi, l’ex editore Varriale a giudizio
– Si fingevano carabinieri per compiere rapine: 10 arresti a Napoli | Video

mercoledì, 11 settembre 2019 - 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA