Omicidio di Elisa Pomarelli, lascia il carcere il padre dell’ex fidanzata di Sebastiani: disposto l’obbligo di dimora

Elisa Pomarelli
Elisa Pomarelli, la 28enne uccisa sulle colline piacentine

L’accusa di favoreggiamento personale è rimasta in piedi, il giudice per le indagini preliminari ha ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza. Ma il carcere, quello che la procura aveva chiesto venisse disposto, è stata ritenuta una misura non commisurata alla contestazione.

Leggi anche / Omicidio di Elisa Pomarelli, Sebastiani dal gip:
interrogato per 4 ore, la difesa chiede la perizia psichiatrica

Silvio Perazzi, il padre di una ex fidanzata di Massimo Sebastiani (il 45enne che ha ucciso Elisa Pomarelli), torna così in libertà (era in cella da domenica). Il gip ha disposto la misura cautelare dell’obbligo di dimora a Castell’Arquato (in provincia di Piacenza). Perazzi è accusato di avere aiutato Sebastiani a nascondersi nel corso delle due settimane di ricerche effettuate dalle forze dell’ordine.

Sebastiani ed Elisa Pomarelli scomparvero infatti il 25 agosto, furono visti insieme in una trattoria. Sebastiani è stato poi catturato sabato scorso, 7 settembre. Ha confessato l’omicidio di Elisa, consentendo agli investigatori di ritrovare il corpo della 28enne.

Leggi anche:
– Roma, uccise e brucio l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio: ergastolo a Paduano, la sentenza del processo d’Appello bis inasprisce la pena
– Patenti di guida, mozione della Lega per bloccare la retroattività dell’Iva: «Senza interventi rincari alti per i nuovi utenti»
– Giustizia, Bonafede invia gli ispettori a Napoli: verifiche sul permesso premio al 18enne che uccise il vigilante Della Corte
– Accusato di avere usato la sua Tv per una campagna stampa contro l’avvocato Ciruzzi, l’ex editore Varriale a giudizio
– Si fingevano carabinieri per compiere rapine: 10 arresti a Napoli | Video
– Napoli, scivola a causa del percolato perso dal compattatore di una ditta di raccolta rifiuti: è morto il 26enne Giuseppe Menale
– Circumvesuviana, in ritardo anche gli annunci per comunicare i ritardi: all’Eav si è persa la cognizione del tempo
– Droga nel carcere femminile di Pozzuoli, la scoperta delle unità cinofile
– Navigator campani, domani scade l’ultimatum del difensore civico a De Luca «Non firmare è un atto grave»

mercoledì, 11 settembre 2019 - 16:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA