Strage nel Tribunale di Milano, condanna annullata in Cassazione per il vigilante accusato di non avere fermato l’assassino

Tribunale di Milano
Il Tribunale di Milano

Il caso processuale sula strage avvenuta il 9 aprile del 2015 nel Tribunale di Milano non è ancora chiuso. La Corte di Cassazione non ha messo il sigillo alla condanna, disposta in Appello, nei confronti dell’allora guardia giurata in servizio Roberto Piazza, ma ha annullato quella sentenza disponendo la celebrazione di un altro processo di secondo grado.

Piazza è imputato di omicidio colposo plurimo e lesioni colpose in relazione alla strage commesso da Claudio Giardiello, l’immobiliarista che riuscì ad entrare in Tribunale armato di pistola, una Beretta calibro 9, e uccise il coimputato Giorgio Erba (nel processo per bancarotta), l’avvocato Lorenzo Claris Appiani e il giudice Fernando Ciampi. Altre due persone, Davide Limongelli (nipote di Giardiello) e il commercialista Stefano Verna, rimasero ferite.

In primo grado Piazza fu mandato assolto, ma in secondo grado venne ritenuto colpevole di non avere fermato Giardiello all’ingresso che presidiava e per questa ragione fu condannato a 3 anni. «Siamo soddisfatti – è il commento dell’avvocato Giacomo Modesti – la Cassazione è stata molto attenta e ha riconosciuto i motivi del nostro ricorso».

Leggi anche:
– 
Incendio a Battipaglia in una ditta di rifiuti, il ministro Costa: «Sta succedendo qualcosa di losco». Negozi e scuole chiuse. 
– Roma, uccise e bruciò l’ex Sara Di Pietrantonio: ergastolo a Paduano, il processo d’Appello bis inasprisce la pena
– Patenti di guida, mozione della Lega per bloccare la retroattività dell’Iva: «Senza interventi rincari alti per i nuovi utenti»
– Giustizia, Bonafede invia gli ispettori a Napoli: verifiche sul permesso premio al 18enne che uccise il vigilante Della Corte
– Accusato di avere usato la sua Tv per una campagna stampa contro l’avvocato Ciruzzi, l’ex editore Varriale a giudizio
– Si fingevano carabinieri per compiere rapine: 10 arresti a Napoli | Video
– Napoli, scivola a causa del percolato perso dal compattatore di una ditta di raccolta rifiuti: è morto il 26enne Giuseppe Menale
– Circumvesuviana, in ritardo anche gli annunci per comunicare i ritardi: all’Eav si è persa la cognizione del tempo
– Droga nel carcere femminile di Pozzuoli, la scoperta delle unità cinofile
– Navigator campani, domani scade l’ultimatum del difensore civico a De Luca «Non firmare è un atto grave»

giovedì, 12 settembre 2019 - 13:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA