Napoli, vigilante ucciso a bastonate: l’Appello non fa sconti ai 3 imputati, condanna di 16 anni e 6 mesi a testa

Francesco Della Corte

Nessuno sconto di pena per i tre ragazzini che hanno ammazzato a sprangate il vigilante Franco Della Corte nel tentativo di portargli via la pistola. I giudici della Corte d’Appello di Napoli hanno confermato le condanne stabilite il 23 gennaio dello scorso anno dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i Minorenni di Napoli. Anche il pg Anna Grillo aveva chiesto la conferma del primo verdetto.

Tradotto in numeri, ciascuno dei tre imputati è stato condannato a 16 anni e sei mesi di reclusione. Già nel processo di primo grado, definitosi con la modalità del rito abbreviato, gli imputati ottennero le attenuanti generiche perché incensurati. All’epoca dei fatti contestati avevano 15, 16 e 17 anni. Franco Della Corte, 52enne di Marano, venne brutalmente aggredito la sera del 3 marzo dello scorso anno davanti alla Metro di Piscinola. A causa della gravità delle ferite riportate, morì 12 giorni dopo in ospedale.

Il più grande degli imputati, che a fine luglio ha compiuto 18 anni, è finito al centro delle polemica per via del permesso premio che ha ottenuto per festeggiare in famiglia la maggiore età. Sulla concessione del permesso premio – che non è l’unico di cui ha beneficiato (ce ne sono stati altri 4) – il ministero della Giustizia ha inviato gli ispettori a Napoli.

Leggi anche:
– Gestione e traffico illecito di rifiuti: sequestrati beni per 5 milioni di euro
– Maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro: sequestrate 11 società
– Scontro frontale tra camion e automobile: 2 morti e un ferito grave sulla Telesina
– Napoli, estorsione alla pizzeria Di Matteo: condannati quattro esponenti dei Sibillo
– Sequestrata la Iptv ‘Xtream Code’, cosa rischiano gli utenti: carcere fino a 3 anni e maxi-multe, via all’identificazione
– Orologi di lusso contraffatti venduti online, i prodotti finivano a San Marino, Rimini e Lombardia: a Napoli la base del business
– Sequestrata e oscurata la Iptv ‘Xtream Codes’: canali a pagamento disponibili a prezzi stracciati, gli utenti erano 700mila

giovedì, 19 settembre 2019 - 14:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA