Bomba carta contro una pizzeria, raid intimidatorio contro il locale ‘Plinio’: alta tensione a Torre Annunziata


Una bomba-carta è stata fatta esplodere nella notte dinanzi alla pizzeria ‘Plinio’ di via Settetermini, nella parte periferica di Torre Annunziata (Napoli). Dalle testimonianze raccolte, l’ordigno rudimentale sarebbe deflagrato attorno alle 2, creando forte panico tra gli abitanti della zona, molti dei quali letteralmente risvegliati dal sonno. Danni alla struttura, in particolare alle saracinesche esterne.

Sull’episodio indagano i carabinieri della compagnia oplontina che al momento non escludono alcune ipotesi, anche se appare probabile che l’esplosione sia da ricondurre ad un atto intimidatorio.

Parole di condanna dal sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione: «L’amministrazione comunale – afferma il primo cittadino – condanna con fermezza questo gesto di evidente matrice criminale ed esprime la piena solidarietà al titolare dell’esercizio commerciale». Il sindaco sottolinea anche come «purtroppo non si tratta di un episodio isolato. Negli ultimi mesi, infatti, altri commercianti sono stati vittime di atti intimidatori. Ma questa amministrazione non arretrera’ di un passo. Insieme a tutte le forze sane della città, alle forze dell’ordine e alla magistratura continueremo a profondere il massimo sforzo affinché non si abbassi la guardia e si riesca ad assicurare alla giustizia chi si macchia di questi gesti gravissimi e deplorevoli».

Leggi anche:
– 
Csm senza pace, il consigliere Criscuoli costretto alle dimissioni ma il suo successore ‘imbarazza’ i magistrati
– Sedia a rotelle si rompe in aereo, EasyJet condannata a risarcire il viaggiatore disabile
– Camorra, falò contro i pentiti: prima condanna, nipote del boss colpevole di istigazione a delinquere
– Napoli, vigilante ucciso a bastonate: l’Appello non fa sconti ai 3 imputati, condanna di 16 anni e 6 mesi a testa
– Gestione e traffico illecito di rifiuti: sequestrati beni per 5 milioni di euro
– Maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro: sequestrate 11 società
– Scontro frontale tra camion e automobile: 2 morti e un ferito grave sulla Telesina
– Napoli, estorsione alla pizzeria Di Matteo: condannati quattro esponenti dei Sibillo
– Sequestrata la Iptv ‘Xtream Code’, cosa rischiano gli utenti: carcere fino a 3 anni e maxi-multe, via all’identificazione
– Orologi di lusso contraffatti venduti online, i prodotti finivano a San Marino, Rimini e Lombardia: a Napoli la base del business
– Sequestrata e oscurata la Iptv ‘Xtream Codes’: canali a pagamento disponibili a prezzi stracciati, gli utenti erano 700mila

venerdì, 20 Settembre 2019 - 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA