Caso Whirlpool, corteo di protesta a Napoli: con i dipendenti anche Valente e i navigator ‘bloccati’ da De Luca | Video

whirlpool
Il corteo dei dipendenti della Whirlpool di Napoli (foto Giustizia News24)

Sono scesi in piazza per difendere un posto di lavoro che, oggi più che mai, sentono essere a rischio. Gli operai della sede napoletana della Whirlpool hanno attraversato in corteo il corso Umberto I, con direzione piazza Municipio, scandendo cori, promesse e richieste.

Chiedono anzitutto garanzie per il futuro, chiedono di potere proseguire con la loro attività, cosa che – salvo stravolgimenti degli scenari dell’ultima ora – non sembra possibile. Con una decisione a sorpresa che ha spiazzato il Mise, la società statunitense ha avviato la vendita del solo sito di Napoli a una società, con un modesto capitale sociale, che ha sede in Svizzera. «Noi vogliamo lavorare, vogliamo lavorare», gridano in corteo i partecipanti al corteo. Indossano tutti una t-shirt con la scritta «Whirlpool non molla». Un concetto che viene replicato anche con il coro «La gente come noi non molla mai».

Accanto a loro c’è una delegazione dei 471 navigator della Campania, in attesa che Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, firmi la convenzione con l’Anpal per poter entrare in servizio e ‘guidare’ i precettori di reddito di cittadinanza nella ricerca di un lavoro. In corteo anche Valeria Valente, parlamentare del Partito democratico.

Leggi anche:
Le Regionali in Umbria battezzano il ‘patto civico’ giallorosso a livello locale: ecco Bianconi. Boccia: «Ora altre intese»
–Napoli, nuova aggressione a medico e guardie giurate in ospedale
Ponticelli, il padre la fa spacciare a 13 anni: chiesti 20 anni di cella per l’uomo e 18 anni per la compagna
– Bomba carta contro una palestra a Portici, il messaggio dei ‘signori’ del pizzo: gli agenti guardano anche verso Napoli Est
– Caso Cucchi, il pm contro i carabinieri accusati di omicidio: «Stefano vittima di un pestaggio degno di teppisti da stadio»
– Csm senza pace, il consigliere Criscuoli costretto alle dimissioni ma il suo successore ‘imbarazza’ i magistrati
– Sedia a rotelle si rompe in aereo, EasyJet condannata a risarcire il viaggiatore disabile
– Camorra, falò contro i pentiti: prima condanna, nipote del boss colpevole di istigazione a delinquere

lunedì, 23 settembre 2019 - 11:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA