Gratuito patrocinio, ok all’esame del ddl: tra le novità l’assistenza legale gratuita alle vittime di maltrattamenti in famiglia

Toghe

Via con l’esame sulla riforma del gratuito patrocinio: l’ufficio di presidenza della Commissione giustizia ha calendarizzato per giovedì prossimo il il ddl che si propone di dare piena attuazione al principio costituzionale dell’articolo 24 sul diritto di difesa dei non abbienti.

La notizia è stata comunicata dal deputato Franco Vazio (Pd), vicepresidente della Commissione. «Il provvedimento prevede, tra l’altro, il patrocinio a spese dello Stato anche nelle procedure di negoziazione assistita e allarga la platea dei beneficiari. La proposta era stata presentata lo scorso maggio dal Ministro Bonafede e attendeva di essere incardinata: oggi, proprio in ragione della sua importanza anche sotto il profilo di una maggiore equità sociale del sistema giudiziario ed una maggiore efficienza e tutela degli operatori della Giustizia, l’Ufficio di Presidenza che ho presieduto ha inteso dare la dovuta priorità e quindi avviare il suo esame», afferma Vazio.

Anche Francesca Businarolo, presidente della Commissione Giustizia della Camera, sottolinea l’importanze della riforma: «Si tratta di una riforma molto attesa perché attua il principio costituzionale sul diritto di difesa dei non abbienti e rende il nostro sistema giudiziario più equo visto che consente a più persone di accedere alla giustizia a spese dello Stato. Tra le varie novità c’è anche la previsione di dare assistenza legale gratuita alle vittime di maltrattamenti in famiglia e di violazione degli obblighi di assistenza familiare, a prescindere dai limiti di reddito, nonché alle vittime del reato di tortura, in recepimento della Convenzione di New York del 1984».

Leggi anche:
– 
Il taglio dei parlamentari arriva in Aula: Renzi promette di allinearsi ai ‘sì’. Di Maio esulta già: «Alla faccia di Salvini»
– Bufera sulle toghe, elezioni suppletive al Csm anche per sostituire Criscuoli: Giangiacomo si ritira, al voto a dicembre
– Il diritto all’oblio sul web non vale fuori dall’Europa, Cantone attacca il principio di ‘cancellazione’: «Boiata pazzesca»
– Uccise la sorella soffocandola, evade dalla casa lavoro approfittando di un permesso
– Neonato trovato morto tra i cespugli a Merano, la gravidanza nascosta per paura «Buco di memoria dopo il parto»
– Uccise i suoi figli scaraventandoli dalle scale in carcere, il pm chiede l’assoluzione per «vizio totale di mente»
– Diplomi facili in cambio di denaro, 340 perquisizioni in tutta Italia: il ‘titolo’ pagato anche 3mila euro
– Falsi invalidi a Potenza: il cieco giocava a carte e la madre di Arisa faceva visite sulla sedie a rotelle ma zappava l’orto

mercoledì, 25 Settembre 2019 - 18:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA