Rifiuti smaltiti irregolarmente e lavoratori in nero, controlli in provincia di Napoli: sanzioni amministrative per 15mila euro


In attuazione del Piano d’azione per il contrasto dei roghi dei rifiuti firmato il 19 novembre 2018 dal Presidente del Consiglio dei Ministri, dai Ministri interessati e dal Presidente della Regione Campania, la Cabina di Regia presieduta dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania, ha disposto operazioni interforze di vigilanza del territorio nei comuni di Melito di Napoli, Mugnano,  Giugliano in Campania, Calvizzano, Napoli.

In campo ventuno equipaggi, per un totale di cinquantuno unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito Italiano, alla Polizia di Stato di Giugliano, ai Carabinieri delle Stazioni di Melito e Mugnano, ai Carabinieri Forestali di Pozzuoli, alla Compagnia Guardia di Finanza di Giugliano, alla Polizia Metropolitana, alle Polizie Locali di Napoli, Melito, Calvizzano, Mugnano e ASL di Napoli. L’individuazione degli obiettivi è stata effettuata anche grazie all’impiego dei droni del Raggruppamento Campania.

Sono state controllate 8 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 5 sequestrate per gestioni illecite di rifiuti; 49 le persone controllate, di cui 8 denunciate all’autorità giudiziaria, 5 sanzionate e 27 lavoratori in nero; 14 veicoli controllati, 3 dei quali trasportavano illegalmente materiale ferroso che è stato sequestrato. Accertate sanzioni amministrative per circa 15.000 euro.

In particolare, a Mugnano  è stato sequestrato un calzaturificio: nell’area produttiva di circa 600 mq erano impiegati 29 dipendenti, 26 dei quali lavoravano in nero; nell’azienda, priva di autorizzazioni, sono stati rinvenuti scarti di pellame e materiale di lavorazione privi di qualsivoglia tracciabilità e di documentazione relativa al corretto smaltimento dei rifiuti.

Un altro lavoratore in nero era impiegato in un’autofficina che è stata sequestrata unitamente a una carrozzeria totalmente abusiva: i titolari sono stati denunciati per gestione illecita di rifiuti.

Nel comune di Melito sono state sequestrate 2 autofficine per smaltimento illecito di rifiuti (olii esausti, parti di ricambio e imballaggi contaminati);uno dei proprietari è stato denunciato e due auto sequestrate.

Nel vicino comune di Giugliano in Campania è stata sequestrata un’azienda edile per stoccaggio illegale di materiale di risulta e una carrozzeria per illecito smaltimento di rifiuti derivanti dalle lavorazioni.

Nel comune di Napoli è stata invece sequestrata un’attività completamente abusiva (già precedentemente sequestrata) operante nel settore della galvanizzazione dove venivano illegalmente smaltiti rifiuti liquidi pericolosi; i titolari sono stati anche denunciati per sottrazione di energia elettrica dalla rete pubblica.

Leggi anche:
– 
Camorra, Forcella contesa tra i clan Sibillo e Buonerba: chieste 12 condanne per complessivi 98 anni di reclusione
– Ponticelli, risolto l’omicidio del boss Nunzia D’Amico inseguita e uccisa sotto casa: arrestato uomo dei De Micco
– Faida di Scampia, nuovo arresto per i boss della Vanella Grassi: accusati del duplice omicidio Parisi-Ferraro
– Finanzieri corrotti per chiudere un occhio su una società : 4 arresti, nuova misura cautelare per un commercialista di Portici
– Il taglio dei parlamentari arriva in Aula: Renzi promette di allinearsi ai ‘sì’. Di Maio esulta già: «Alla faccia di Salvini»
– Bufera sulle toghe, elezioni suppletive al Csm anche per sostituire Criscuoli: Giangiacomo si ritira, al voto a dicembre
– Il diritto all’oblio sul web non vale fuori dall’Europa, Cantone attacca il principio di ‘cancellazione’: «Boiata pazzesca»
– Uccise la sorella soffocandola, evade dalla casa lavoro approfittando di un permesso
– Neonato trovato morto tra i cespugli a Merano, la gravidanza nascosta per paura «Buco di memoria dopo il parto»

giovedì, 26 Settembre 2019 - 17:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA