Rigopiano, madre di una vittima picchia l’ex sindaco imputato nel bar del Tribunale: «Ha condannato mio figlio a morte»

rigopiano

Nella strage dell’hotel di Rigopiano, costata la vita a 29 persone, Maria Perilli ha perso il figlio Stefano Feniello di 29 anni. Stamattina, come tanti familiari di chi è stato travolto dalla valanga trovando la morte, Maria Perilli si è recata in Tribunale di Pescara per l’udienza preliminare. Ma durante una pausa dell’udienza, al bar del palazzo di Giustizia è accaduto qualcosa. Maria Perilli ha incrociato l’ex sindaco di Farindola (Pescara) Massimiliano Giancaterino, che è tra gli imputati, e gli si è scagliata addosso, aggredendolo. Giancaterino, soccorso e trasferito in ospedale, ha riportato un trauma cranico, un trauma all’arto superiore sinistro e dolore al torace.

«Era al bar allegramente, quando è stato lui a firmare la condanna a morte di mio figlio e allora l’ho preso a pugni», ha detto la donna dopo essere stata identificata dalle forze dell’ordine. «E’ stato lui a firmare i primi documenti per l’ampliamento dell’albergo e ha dato la possibilità all’albergo, da quel momento, di essere aperto anche durante l’inverno, non solo d’estate, quindi ha condannato a morte Stefano», ha aggiunto.

Poi, sull’aggressione, ha osservato: «Lui è il doppio di me – ha osservato poi la donna – quindi potete immaginare il male che gli ho fatto…». L’aggressione a Giancaterino ha determinato un rinvio dell’udienza per legittimo impedimento dell’imputato.

Giancaterino ha già annunciato che denuncerà la donna: «Stavo prendendo un caffe’ con i miei avvocati, quando sono stato aggredito. Non so da chi, era una donna. Mi ha picchiato, mi ha riempito di botte. Segue querela».

Leggi anche:
– 
Napoli, si droga e sviene in strada mezzo nudo: nuovo episodio di degrado sotto gli occhi dei turisti nel vicolo della vergogna
– Crolla il cancello di ingresso della scuola: bidella resta ferita, l’episodio a Sassari
– Giustizia, riforma all’ultimo miglio: vertice tra Conte, Bonafede e Orlando
– Caso Alfonso Papa, l’Appello dichiara la prescrizione dei 3 reati per i quali il politico fu condannato in primo grado
– Ponticelli, risolto l’omicidio del boss Nunzia D’Amico inseguita e uccisa sotto casa: arrestato uomo dei De Micco
– Faida di Scampia, nuovo arresto per i boss della Vanella Grassi: accusati del duplice omicidio Parisi-Ferraro
– Finanzieri corrotti per chiudere un occhio su una società : 4 arresti, nuova misura cautelare per un commercialista di Portici
– Il taglio dei parlamentari arriva in Aula: Renzi promette di allinearsi ai ‘sì’. Di Maio esulta già: «Alla faccia di Salvini»

venerdì, 27 settembre 2019 - 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA