La guerra tra le ditte di pompe funebri: arrestati 2 fratelli, accusati di avere aggredito i dipendenti di una società rivale

Carabinieri
I militari dell'Arma (foto Kontrolab)

Due fratelli sono destinatari di una misura cautelare in carcere, con il beneficio dei domiciliari, emesse dal gip del tribunale Santa Maria Capua Vetere, per lesioni personali aggravate uno e danneggiamento aggravato l’altro. Michele Vanacore, 45 anni, e Lello Vanacore, 33 anni, titolari di una ditta di pompe funebri, sono anche ritenuti responsabili in concorso di estorsione aggravata.

L’indagine che ha portato agli arresti nasce da una denuncia sporta il 5 settembre 2018 ai carabinieri dalle vittime, i titolari di un’impresa funebre, la fratelli Iorio, che opera a Maddaloni, nel Casertano. Due dipendenti di questa azienda a Maddaloni furono aggrediti fisicamente da due fratelli Vanacore mentre stavano affiggendo un manifesto e addirittura si videro danneggiare il parabrezza del furgoncino della ditta con una mazza di legno. Rilievi fotografici sul mezzo danneggiato e il referto medico di una delle vittime aggredite hanno confermato la genuinità del loro racconto.

Leggi anche:
– Uccisi perché testimoni dell’omicidio del boss, il padre dei fratelli Luciani: «C’è qualcuno che sa e non parla»
– Ucciso di botte a sette anni, la madre e il compagno ‘insieme’ in aula: il padre biologico va in tv ma non al processo
– Corruzione, condannato a 4 anni e 2 mesi l’ex parlamentare Genovese
– Camion perde il carico che travolge una vettura: muore un ragazzo, grave la madre
– Incidente sul lavoro nello stabilimento Fca, muore un operaio 40enne a Cassino
– Sculaccioni e insulti ai bimbi, tre maestre sospese per due mesi: inchiesta a Crotone
– Incidente sul lavoro: trattore si ribalta e travolge un 21enne, nulla da fare per il ragazzo
– Il prete-esorcista resta in carcere, la Cassazione ‘gela’ don Michele Barone
– Napoli, accoltellata al petto dalla rivale in amore: la vittima accusata di avere insidiato il compagno della ricercata
– Fisco, idraulico lavora non versa le tasse: «Importi non dichiarati per 250mila euro»
– Prescrizione, Di Maio blinda la riforma: «Non è in discussione». I penalisti incalzano il Pd: «Posizione non chiara»

martedì, 1 Ottobre 2019 - 18:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA