Bimbo morto dopo la circoncisione, il pm chiede 8 anni per il ‘santone’ e 6 anni per la madre e la nonna

Tribunale aula

Il pm Daniela Pischetola ha chiesto la condanna a otto anni e quattro mesi per Osas Okundaye, il nigeriano di 34 anni accusato di avere effettuato l’intervento di circoncisione che ha causato la morte di un neonato lo scorso 2 aprile a Genova. Per la madre e la nonna del bimbo ha chiesto la condanna a sei anni ciascuna. La sentenza, con rito abbreviato davanti al giudice per l’udienza preliminare Silvia Carpanini, è prevista per giovedì.

Okundaye, secondo quanto ricostruito dagli investigatori della squadra mobile genovese, era stato chiamato dalla mamma e dalla nonna del bimbo più volte nel corso della giornata ed era stato informato delle condizioni del piccolo. Nonostante ciò aveva detto alle donne di non chiamare l’ambulanza «perché avrebbero avuto problemi tutti e tre con la giustizia». L’uomo, dopo essere stato contattato su Facebook, era stato pagato 50 euro, oltre a generi alimentari (olio, patate, birra e whisky). Aveva praticato la circoncisione con una lametta da barba ed era andato via. Dall’esame autoptico era emerso che l’intervento era stato fatto in modo grossolano, togliendo troppa pelle con recisione dell’arteria frenulare.

Quando, in piena notte, era stato chiamato dalla nonna per essere informato della morte del piccolo, aveva abbandonato la sua casa in fretta e furia e con la moglie e i figli stava per raggiungere la Francia. Gli agenti della squadra mobile lo avevano arrestato a Ventimiglia. Dalle indagini è emerso che il ‘santone’ era noto nella comunità nigeriana e che aveva praticato altre circoncisioni clandestine ad altri bambini compreso suo figlio.

Leggi anche:
– Napoli, cloaca a cielo aperto sotto il naso di De Magistris: materasso e fioriera abbandonati in via San Giacomo | Foto
– Notre-Dame sei mesi dopo l’incendio: tempi lunghi per la ristrutturazione della cattedrale simbolo di Parigi
-Faida a Ponticelli, un arresto per l’agguato ad Anna De Luca Bossa
– Roma, autobus contro un albero: 10 feriti Passeggeri estratti dal veicolo, l’Atac ha aperto un’inchiesta interna
Auto rubate smontate e rivendute a pezzi, 17 arresti a Napoli: business da 2 milioni
– La guerra sulla proprietà dello stabile in Galleria Umberto I che uccise Salvatore: al processo acquisiti nuovi documenti
Mafia Capitale all’atto finale: arriva in Cassazione il processo al ‘Mondo di Mezzo’ di Buzzi e Carminati
Sassari, scappa dal marito violento: lui la rintraccia e cerca di rapirla, passante sventa il sequestro di persona
– Whirlpool, l’azienda scarica Napoli: fallita l’ultima mediazione a Palazzo Chigi
Napoli, bomba nella notte a Mergellina: ordigno danneggia una cioccolateria
Allarme bomba al Tribunale di Cagliari, il pacco sospetto è stato fatto brillare

mercoledì, 16 Ottobre 2019 - 18:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA