Congresso penalisti, Fara (Eurispes): «La Giustizia sta peggio di 10 anni fa, bisogna ripartire tutti insieme dalla Costituzione»

Gian Maria Fara, presidente Eurispes

L’analisi di Gian Maria Fara, presidente Eurispes, sull’attuale stato di salute della Giustizia è un’analisi impietosa. «Speravamo che in dieci anni qualcosa fosse cambiato, che la situazione fosse migliorata – osserva, riferendosi alla comparazione delle ricerche effettuate nel 2008 e nel 2019 su un campione di 32 tribunali italiani – Purtroppo siamo rimasti delusi perché le cose vanno un po’ peggio di come le abbiamo descritte dieci anni fa».

E vanno peggio perché i problemi evidenziato già 10 anni non sono stati risolti ma si sono acuiti anche a causa della revisione della geografia giudiziaria (targata Andrea Orlando) che ha portato alla soppressione delle sedi distaccate dei Tribunali. Fara li sentetizza in modo efficace nel breve tempo che viene concesso ad ogni intervento nel corso del Congresso dei penalisti che si sta tenendo a Taormina: «Ho la sensazione che il tema della durata infinita dei processi è solo la punta dell’iceberg. Il problema è molto più ampio, affligge il paese da decenni. Penso al personale che manca, ai mezzi, agli strumenti, alla logistica, alle risorse economiche, all’eccesso di legislazione, alla produzione continua che si annulla strada facendo, ai carichi eccessivi dei magistrati, al fallimento della riorganizzazione sul territorio. La chiusura di molti tribunali in piccoli centri non ha dato buoni risultati ma sovraccaricato i centri più importanti». Quindi il tema della prescrizione: «Bisogna mettere un termine ai processi se si vuole ridurre la prescrizione, non basta eliminarla».

Fara chiude poi il suo intervento con un invito e un monito, rivolti entrambi alla maggioranza di Governo e in modo particolare al Movimento Cinque Stelle: «Da studioso dico che sulla giustizia si debba lavorare sottraendole il terreno dell’ideologia e che si debba trovare un punto di incontro. E secondo me il punto di incontro è uno solo: la Costituzione. Ci raccontiamo che abbiamo la Costituzione più bella del mondo, e allora viviamola. E cerchiamo di ricordarci che nella Costituzione c’è scritto che un cittadino non è colpevole fino a prova contraria».

Leggi anche:
– 
Carceri, bufera sulle Vallette di Torino Accuse ai 6 della Penitenziaria: «Senso di superiorità e spudorato menefreghismo»
– Ucciso dopo una lite per soldi nel Catanese: il fratello accusato d’omicidio
– Napoli, la rivolta dei residenti di Barra: camion dell’Asìa bloccati di notte, protesta contro i miasmi dal sito di stoccaggio
– Complesso residenziale senza autorizzazioni, sequestrati 12 mini appartamenti a Napoli
– La vittoria dei 471 navigator della Campania, accordo raggiunto: saranno assunti da Anpal
– Fiamme nell’impainto Stir di Santa Maria Capua Vetere, è il secondo in meno di un anno
– 
Ponticelli, tentata estorsione sui lavori per le Universiadi 2019 e nel cantiere Eav: eseguiti due arresti
– Il traffico dei libri antichi rubati e venduti a collezionisti, l’ex direttore dei Girolamini: in Usa libro di Galilei ceduto per 2 milioni
– Denunciano un’aggressione omofoba: il video diventa virale ma è una fake news
– Napoli, cloaca a cielo aperto sotto il naso di De Magistris: materasso e fioriera abbandonati in via San Giacomo | Foto

venerdì, 18 ottobre 2019 - 18:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA