25.4 C
Napoli
martedì, 04 agosto 2020

Ucciso dopo una lite per soldi nel Catanese: il fratello accusato d’omicidio

Cella Carcere

Avrebbe ucciso con quattro colpi di arma da fuoco il fratello Paolo, 40 anni, al culmine dell’ennesima lite per la richiesta di denaro da parte della vittima che sembra fosse tossicodipendente. E’ l’accusa contestata dai carabinieri della compagnia di Paternò (Catania) al 34enne Andrea Befumo che è stato arrestato per omicidio. La tragedia è avvenuta la notte scorsa in via Pergusa a Paternò.

L’arma utilizzata è una rivoltella calibro 38 detenuta legalmente. Paolo Befumo, rimasto gravemente ferito, è stato portato nell’ospedale Santissimo Salvatore dove è deceduto poche ore dopo il ricovero. Suo fratello, rintracciato subito da militari dell’Arma, è stato dichiarato in stato di arresto e condotto nella casa circondariale di piazza Lanza a Catania.

Leggi anche:
– La vittoria dei 471 navigator della Campania, accordo raggiunto: saranno assunti da Anpal
– Fiamme nell’impainto Stir di Santa Maria Capua Vetere, è il secondo in meno di un anno
– 
Ponticelli, tentata estorsione sui lavori per le Universiadi 2019 e nel cantiere Eav: eseguiti due arresti
– Il traffico dei libri antichi rubati e venduti a collezionisti, l’ex direttore dei Girolamini: in Usa libro di Galilei ceduto per 2 milioni

venerdì, 18 ottobre 2019 - 11:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA


error: Questo contenuto è protetto. Le informazioni, testi, fotografie e grafici non possono essere riprodotte, pubblicate o ridistribuite senza il consenso dei rispettivi titolari dei diritti.