Prescrizione, proposta di legge per abolire la riforma: il deputato Costa (Fi) sfida Bonafede, Italia Viva contro la rifroma

Enrico Costa
Il deputato di Forza Italia Enrico Costa

Una proposta di legge per cancellare la riforma che blocca il corso della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, sia essa di condanna che di prescrizione. La presenterà nelle prossime ore il deputato di Forza Italia Enrico Costa. La proposta di legge, come specifica in una nota Enrico Costa, che è anche responsabile giustizia per gli azzurri, sarà composta da un solo articolo: «Bisogna scongiurare l’entrata in vigore dal 1 gennaio 2020 del ‘fine processo mai’. Ci batteremo per evitare che norme illiberali scarichino sul cittadino i ritardi del sistema giustizia, che il ‘ministro delle manette’ copra i suoi fallimenti cancellando la prescrizione anziché accorciare i tempi dei processi».

A Bonafede, nella giornata di oggi, sono tornati a rivolgersi i penalisti italiani, che stanno conducendo una vera e propria battaglia contro la riforma della prescrizioni. I penalisti, guidati da Gian Domenico Caiazza, hanno chiesto quantomeno di rinviare ancora l’entrata in vigore della legge: «Il ministro Bonafede tenga fede alle ragioni per cui un anno fa ha differito l’entrata in vigore della riforma della prescrizione, intervenire sulla durata dei processi. Le stesse ragioni di allora dovrebbero essere poste ora alla base di un nuovo rinvio».

Un rinvio dell’entrata in vigore della legge è stato chiesto anche dalla deputata Lucia Annibali (Italia Viva), componente della Commissione Giustizia della Camera che ha parlato ad Ancona della riforma sulla prescrizione nell’assemblea indetta dalla camera penale per lo sciopero nazionale. Annibali ha riferito che la Commissione di cui fa parte, nei giorni scorsi ha incontrato il ministro Bonafede per tentare un rinvio secco della riforma di almeno un anno. Questo per fare in modo da legarla alla riforma del processo penale. «La vera sfida è costruire una giustizia non populista – ha osservato Annibali – non strutturata per fare leva sulla pancia delle persone. Ci vuole più serietà in politica. Stiamo lavorando con la maggioranza per bloccare questa riforma».

Leggi anche:
– Desirèe Mariottini, stuprata e uccisa: disposto il processo per 4 imputati
– «Ucciso perché lasciò la sua amante», chieste quattro condanne: ergastolo per la donna dalla quale si era separato
– Morta a 22 anni dopo un intervento, avviso di garanzia per 12 medici dell’ospedale di Sassuolo: la verità dall’autopsia
– Brescia, alla guida dell’auto del padre a 13 anni: si schianta contro un albero
– Bus con 50 bambini a bordo dirottato, seconda udienza del processo a Sy: via libera alle costituzioni di parte civile
– Sisma, ecco i fondi per i commercialisti colpiti dal terremoto: quasi 168mila euro per 28 professionisti del centro Italia

lunedì, 21 Ottobre 2019 - 19:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA