Morte Belardinelli, la difesa dell’ultrà arrestato davanti al gip: «Non l’ho investito io, sono un tifoso dell’Inter»

Fabio Manduca
Fabio Manduca, l'ultrà napoletano di 39 anni arrestato il 18 ottobre per omicidio volontario

«Guidavo io quell’auto ma non l’ho investito io, io non sono un tifoso del Napoli, ma mi piace l’Inter, mi sono anche tesserato nella tifoseria dell’Inter il 21 dicembre scorso». Cosi si è difeso, in sostanza, davanti al gip di Milano Guido Salvini, Fabio Manduca, l’ultrà napoletano arrestato venerdì scorso per omicidio volontario per aver investito Daniele Belardinelli negli scontri del 26 dicembre scorso prima di Inter-Napoli.

Secondo gli inquirenti Manduca dopo aver sorpassato un’altra macchina, un’Audi A3, non ha fatto alcunché per evitare gli ultras interisti che avevano invaso la carreggiata in via Novara all’inizio degli scontri, ma anzi si è diretto contro di loro con la sua Renault Kadjar, ha centrato Belardinelli, gli è passato sopra e non si è fermato. A incastrare il tifoso sarebbero alcune immagini delle telecamere presenti nella zona dell’investimento.

Leggi anche:
– Estorsione, droga e armi: in manette nuove e vecchie ‘leve’ del clan dei Casalesi
Spari in ospedale, arrestato il padre del medico aggredito
Arriva il Fondo Salva Casa per aiutare le famiglie che rischiano di perderla
Minacce di morte al figlio per cedere l’autorimessa, incubo finisce con due arresti
-Il pm Vincenzo D’Onofrio nel mirino della camorra irpina
-Tangenziale di Napoli, ecco tutti i percorsi alternativi per evitare la paralisi
-Terrore nella notte a Napoli per un incendio in piazza Mercato
Intesa sulla Manovra: carcere per evasori, slitta limite contante
– Mediaworld lo licenzia per il reclamo di un cliente, il tribunale reintegra il dipendente e dispone il risarcimento
– Whirlpool Napoli, i sindacati scendono in piazza: proclamato uno sciopero generale dell’industria e del terziario
– Uccide ex agente di polizia per gelosia, 54enne confessa in provincia di Catanzaro
– Finti avvocati per truffare anziani, due persone in manette nel Napoletano
– «Ucciso perché lasciò la sua amante», chieste quattro condanne: ergastolo per la donna dalla quale si era separato

martedì, 22 ottobre 2019 - 14:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA